Sulle tracce dei ghiacciai, testimoni della storia

Lo studio sulle carote di ghiaccio prelevate nella Groenlandia e studiate da un team interdisciplinare coordinato dal glaciologo Joseph McConnell del Desert Research Institute (DRI), ha individuato l’esplosione del vulcano Okmok (Alaska) del 43 a.C. come uno dei fenomeni naturali tra i più violente della storia, con effetti durevoli in tutto l’emisfero settentrionale, tanto da destabilizzare il clima negli anni successivi e forse contribuire alla transizione dalla Repubblica Romana all’Impero Romano. Ma è davvero possibile? L’abbiamo chiesto al prof.  Mc Connell.

Come è iniziata la ricerca? Aveva già in mente i parametri della ricerca che cosa sapeva avrebbe trovato?

Il mio gruppo di ricerca è specializzato nell’effettuare misurazioni chimiche molto dettagliate sulle carote di ghiaccio che noi utilizziamo per studiare molti aspetti dell’ambiente. Ciò include la ricaduta delle eruzioni vulcaniche e il loro impatto sul clima. Avevamo già lavorato su altri aspetti del periodo romano attraverso i collegamenti tra l’economia romana e l’inquinamento da piombo nell’Artico.

Naturalmente, sapevamo da anni, grazie a questa tipologia di ricerche, che c’era stato un evento di ricaduta vulcanica di enorme impatto alla fine degli anni ’40 a.C. in un momento particolarmente importante della storia romana. Recentemente, quando abbiamo notato che c’era un grande picco nel conteggio delle particelle insolubili indicanti la deposizione di ceneri vulcaniche proprio all’inizio di un grande evento vulcanico con una forte presenza di zolfo che iniziò nel 43 a.C., si è pensato che avremmo potuto essere in grado di identificare il vulcano di origine.

Qualora fosse stato possibile, eravamo discretamente fiduciosi di poter fare una valutazione quantitativa e completa dei suoi impatti sul clima e, forse, comprendere meglio le relative conseguenze sulle società antiche.

Che tipo di specialisti sono stati coinvolti? È stato difficile coordinare l’intera équipe?

 Lo studio è stato sostenuto quasi interamente dalle nostre misurazioni delle carote di ghiaccio, quindi fin dall’inizio sono stati coinvolti gli esperti di carote di ghiaccio. Una volta che abbiamo dedotto che ci fosse cenere vulcanica o tefra (insieme dei detriti prodotti durante un’eruzione vulcanica) abbiamo contattato un esperto di tefra che, con l’aiuto dei vulcanologi in Alaska, è stato in grado di identificare Okmok come vulcano sorgente.

Ciò significava che dovevamo coinvolgere modellatori climatici e ulteriori esperti del clima per completare gli aspetti scientifici e, poi, ovviamente, gli storici per aiutarci nell’interpretazione relativa a possibili effetti sulla società e sulla storia romana ed egiziana. La parte più difficile è stata integrare le diverse prospettive delle diverse discipline in una storia coerente. Detto questo, ho avuto un ottimo team di collaboratori esperti in questo studio.

Ritiene che gli effetti del vulcano abbiano avuto una notevole influenza nell’ascesa dell’Impero Romano? E, in caso affermativo, in quale modo?

Questo è difficile da dire poiché è accaduto più di 2000 anni fa. Sappiamo dalle carote di ghiaccio che questa è stata una delle più grandi eruzioni vulcaniche degli ultimi 2500 anni, e che gli anelli degli alberi e i depositi di grotte mostrano come abbia provocato 2 degli anni più freddi nell’emisfero settentrionale durante quei 2500 anni.

Anche se non sono uno storico, credo che la scarsità di cibo fosse comune durante la tarda Repubblica romana, quindi non sarebbe stato necessario uno shock climatico per creare carenze alimentari diffuse, carestie e malattie endemiche associate. I testi antichi descrivono questa situazione tra il 43 e il 42 a.C., proprio quando, e ora ne siamo a conoscenza, l’eruzione dell’Okmok stava provocando un grande impatto sul clima.

Tuttavia, non è ancora chiaro quanto l’eruzione abbia contribuito alla transizione politica. Tenga presente che i tempi e la portata delle perturbazioni climatiche provocate da Okmok sono informazioni nuove, molto solide e molto dettagliate, oggettive, quindi ci vorrà del tempo affinché gli storici e altri esperti possano assimilare queste nuove informazioni e comprendere ciò che è accaduto durante questo periodo.

In che modo questi risultati possono essere utili per studi futuri e per il fenomeno del cambio climatico e l’aumento del livello delle acque del mare?

Non sono sicuro che ci siano collegamenti diretti. Tuttavia, i nostri risultati dimostrano certamente come un evento catastrofico quale un’enorme eruzione vulcanica possa provocare cambiamenti climatici a scala emisferica che cambiano la vita delle persone. Immagini se oggi avessimo un’eruzione così potente,  ci sarebbero anche effetti significativi sulle nostre vite, nonostante tutta la nostra tecnologia e le reti commerciali e di trasporto mondiali che spesso mitigano gli effetti delle catastrofi naturali.

Secondo lei, che cosa possiamo fare per fare il surriscaldamento globale?   

Non c’è dubbio da una prospettiva scientifica. Dobbiamo ridurre il più rapidamente possibile la combustione di combustibili fossili. L’energia rinnovabile è ora accessibile e sufficientemente affidabile, quindi è tempo di mantenere il carbonio fossile nel terreno e non metterlo nell’aria. Penso che questo sia particolarmente vero per la produzione di elettricità. A mio avviso, non dovrebbero essere costruite nuove centrali elettriche a carbone, petrolio o gas naturale in nessuna parte del mondo, poiché sono già obsolete e dovremmo lavorare per ritirare rapidamente il maggior numero possibile di centrali elettriche esistenti.

Intorno a sé vede una reale preoccupazione in merito al cambiamento climatico?

Non quanto vorrei. La nostra unica speranza è che molti giovani sembrino apprezzare l’importanza per la loro vita e il loro futuro, quindi forse guideranno i cambiamenti politici ed economici necessari per mitigare il cambiamento climatico.

Ho letto che le sue aree di ricerca sono l’idrologia ambientale globale e  il sistema di bacini idriografici integrati. Potrebbe spiegare brevemente questi argomenti? Forse alcuni giovani studenti possono essere interessati a questi campi

Per me, l’idrologia ambientale globale significa in generale lo studio dell’ambiente attraverso misurazioni e modelli del sistema idrologico su larga scala. Nel mio gruppo di ricerca, generalmente concentriamo i nostri studi su archivi relativi a condizioni ambientali passate come quelle contenute in lastre di ghiaccio e ghiacciai, o nel legno degli alberi, nelle stalattiti, nei sedimenti lacustri e nelle torbiere.

Studiamo i cambiamenti climatici passati e quali processi (chiamati fattori climatici, ad esempio eruzioni vulcaniche come Okmok) potrebbero aver causato quei cambiamenti passati nel clima o nell’ambiente. Tuttavia, le carote di ghiaccio delle remote regioni polari sono particolarmente utili poiché si trovano lontano da fonti di emissioni nell’atmosfera, molte delle quali si trovano alle medie e basse latitudini dove la maggior parte di noi vive.

Di conseguenza, questi documenti ci parlano dei cambiamenti di fondo su larga scala nell’atmosfera e nell’ambiente. Naturalmente, un altro aspetto dell’idrologia globale è il livello del mare, quindi studiamo anche quale ruolo abbiano svolto i ghiacciai e le calotte glaciali nei passati cambiamenti del livello del mare e come potrebbero contribuire ai cambiamenti del livello del mare in futuro.

Per sistemi di bacini idrografici integrati si intende il ciclo idrico o idrologico dalle sorgenti di un bacino fino allo sbocco in un lago o nell’oceano e include l’atmosfera sopra il bacino, la vegetazione che cresce sulla superficie e la terra e le acque sotterranee sottostanti. Sebbene studiare l’idrologia in questo modo possa sembrare ovvio oggi, si tratta di un approccio relativamente nuovo.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.