Taggato: architettura

0

L’avveniristico Jinghe Centre. Nel nome di Zaha Hadid

Il nuovo complesso Jinghe New City Culture & Art Centre a nord della città di Xi’an – nella provincia cinese dello Shaanxi, Cina – avrà la forma sinuosa delle valli formate dallo scorrere del fiume Jinghe. Da cui le stratificazioni di superfici e successione di volumi che s’ integrano fra loro e con l’ambiente circostante. Progetto dello studio fondato dalla compianta architetta Zaha Hadid che ha portato l’architettura nel XXI secolo

0

Maldive. La città galleggiante, contro la terra sommersa

Per l’innalzamento del livello dei mari le Maldive rischiano di essere sommerse entro la fine del secolo. Da qui l’urgenza della costruzione di una città galleggiante a pochi minuti di distanza dall’attuale capitale composta da 5mila unità in grado di offrire alloggio e servizi a circa 20mila persone. L’intera struttura sarà pronta entro il 2027

0

La Torre del controllo climatico. Contro la siccità e la desertificazione

La Torre per il controllo climatico (Climate Control Tower) ovvero una sofisticata costruzione tecnologica che prendendo l’acqua del mare la trasforma in nuvole di pioggia da scaricare nelle aree costiere più secche segnalate dal satellite. Il progetto sud-coreano elaborato per combattere la siccità e la desertificazione ha vinto il concorso internazionale eVolo 2022

0

La scala verso il cielo. Il grattacielo più sottile del mondo

Il quartiere Billionaire’s Row di New York sta ridisegnando lo skyline di Manhattan con grattacieli che fanno a gare per altezza e sottigliezza. Li supera tutti il 111 West 57th Street, su una base larga 17,91 metri, raggiunge i 435 metri di altezza. Terminato nel 2015 nella parte più elevata offre poco, costosissimo, spazio per una vista mozzafiato, in totale sicurezza, malgrado l’altezza

0

Sun Rock. L’edificio che cattura il sole e produce energia pulita

L’edificio in costruzione della compagnia elettrica di Taiwan, è stato progettato in modo che la sua forma e la sua facciata siano in grado di catturare i raggi del sole, stoccarli e impiegarli per il proprio fabbisogno, per la manutenzione di apparecchiatura energetiche rinnovabili e con ulteriori accorgimenti di design di immettere fino a 1,7 milioni di kWh nella rete nazionale

0

I nuovi musei per l’arte immateriale

Da non confondere con i musei che riproducono opere già esistenti in digitale, le nuove istituzioni nascono esclusivamente come sedi dell’arte puramente immateriale. Se in Italia per averne uno bisognerà attendere fino al 2026, gli architetti italiani già li realizzano nel mondo. Come accade a Gedda, in Arabia Saudita, pronto entro il 2022 per ospitare il collettivo giapponese teamLabs e le loro produzioni