Taggato: ricerca

0

Grandi eventi. Prove tecniche di normalità

Dopo il fermo di un anno torna un concerto rock, il primo in Europa, durante la pandemia. Si svolgerà a Barcellona (Spagna) il 27 marzo 2021 allo stadio Sant Jordi che accoglierà 5000 mila persone. Stesso giorno e stesso numero di persone per la partita Olanda – Lettonia ad Amsterdam. Prove di convivenza in sicurezza con il coronavirus, pensando alla riapertura al pubblico dei grandi eventi

0

Sensori medici. Stampati sulla pelle e riciclabili

Un occhio alla salute e uno all’ambiente sono stati alla base dello studio che ha permesso di aggirare l’ostacolo della tecnica di sinterizzazione a temperatura insostenibile per la pelle umana. Ora i biosensori, che servono per misurare alcuni dei parametri vitali, sono simili ai tatuaggi temporanei, sicuri e riusabili

0

Invecchiamento cerebrale. Questione di mielina

Non l’incapacità di generare nuovi neuroni – il loro numero nel cervello anziano nelle funzioni intellettuali e cognitive non è molto diverso da quello che si osserva nel cervello giovane – ma la riduzione della mielina potrebbe essere la causa primaria dell’invecchiamento celebrale. Premessa per nuovi sviluppi verso il ringiovanimento dell’organo ma anche per contrastare il decorso delle malattie neurodegenerative

0

Conservare il microbiota dei Neanderthal per salvaguardare la nostra salute

È quanto sostiene uno studio internazionale dopo aver ricostruito e analizzato un campione di DNA umano estratto dal sito archeologico spagnolo El Salt. Batteri del microbiota intestinale dell’Uomo di Neanderthal sono presenti anche nell’uomo moderno e sono essenziali per la sua salute. Quelli recentemente scomparsi hanno impoverito la flora intestinale, causa dell’accelerazione di alcune patologie

0

Troviamo una cura per tutte le epilessie

La ricerca scientifica mondiale è stata costretta a incentrare tutti i propri sforzi nella lotta al Covid-19. L’accesso ai fondi risulta ancora più problematico. Nonostante ciò sono stati compiuti passi avanti nella cura di due gravi forme di epilessia con l’approvazione del primo trattamento a base di cannabidiolo ma la strada è tutta in salita affinché tutte le epilessie trovino una possibilità di cura