I tre moschettieri. Il teatro a puntate

Gigi Proietti, uno degli otto registi

Gigi Proietti, uno degli 8 registi

Dal 18 febbraio 2016 per proseguire fino al primo maggio, al Teatro Astra di Torino andrà in scena I tre moschettieri tratto dal celebre romanzo di Alexander Dumas. Un kolossal musicale in 8 puntate, diretta da 8 registi, riscritto da 6 drammaturghi che vede impegnati sul palcoscenico 38 attori.

Si tratta del rifacimento del primo esperimento italiano del teatro a puntate, che avvenne al Teatro Stabile di L’Aquila, nel corso della stagione 1986/87, da un’idea del regista Bebbe Navello. Allora le puntate furono 12 è andò in scena per 120 giornate consecutive.

Le gesta dei tre moschettieri Athos, Aramis e Porthos ai quali si aggiunge D’Artagnan, protagonista del romanzo e dell’opera teatrale, si svolgono nella Parigi del XII secolo, ricostruita nel Teatro Astra in una scenografia che “avvolge lo spettatore a 360°”, come si legge nel sito del Teatro Piemonte Europa (TPE).

Otto puntate (ognuna delle quali va in scena per sei sere consecutive), dirette da otto registi diversi. Quattro provengono dalla felice esperienza dell’Aquila e sono, il già citato Beppe Navello, Gigi Proietti, Ugo Gregoretti e Piero Maccarinelli. I restanti quattro, collaboratori del TPE, sono: Emilinano Bronzino, Myriam Tanat, Andrea Baracco e Robert Talarczyk.  Della nutrita squadra di attori, ricordiamo  Luca Terraciani nelle vesti di D’Artagnan.

L’ispirazione del teatro a puntate nasce dagli sceneggiati tv d’antan della Rai, dove, come in teatro, tutto avveniva in diretta. E nel solco di questa tradizione, nasce l’idea d’inframmezzare ogni messa in scena dei “Tre moschettieri” con una sorta di nuovo Carosello, dove gli attori recitando, raccontano i benefici dei prodotti che sponsorizzano la produzione teatrale.

Interessante e, al tempo stesso divertente, la pagina Facebook Stagione TPE, attraverso la quale si possono seguire le prove e ogni particolare dell’allestimento del Kolossal.

Per maggiori informazioni

www.fondazionetpe.it

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.