Phd CareerStories. Fare la scelte con “Coraggio”

Ecco di nuovo con noi  Joakim Muschött, ICF Professional Certified Coach (PCC), fondatore e CEO di  Skifta Utveckling AB. Nell’episodio  episode #58, Joakim ha spiegato come il coaching ti può supportare nel fare le scelte che collimano maggiormente con la tua personalità, per identificare le tue esperienze e competenze e come farle combaciare con i prossimi passi della tua carriera. Nel suo libro Coraggio (in svedese: Mera mod!) entra nel dettaglio sul come affrontare le tue paure e osare nello spingersi oltre la propria comfort zone.

Johan Bertil Muschött intervista suo padre su quanto ci si impiega a essere coraggiosi e cocome sia necessario per un cambio di carriera di successo.

Quando ti avvicini alla comfort zone diventi nervoso e ansioso e vuoi andartene, invece rimani lì, respira e di’ a te stesso a voce alta- questo è ciò che dovresti sentire. Va bene così. Io sto bene! Joakim Muschött, ICF Professional Certified Coach, Sweden

Salve, benvenuti a PhD Career Stories, sono Alice Corani e oggi ascolterete un nuovo episodio da parte di Joakim Muschött. Joakim è un coach certificato e amministratore della sua società “Skifta utveckling” in Svezia. Nell’episodio precedente #58,ci ha parlato della differenza tra career coach, career counselling etc.

Joakim ha scritto un libro sull’argomento Coraggio. In questo episodio, ci parlerà più approfonditamente di questo argomento e di come uscire dalla propria comfort zone e affrontare le proprie paure.

Johan Bertil:“Salve, sono Johan Bertil Muschöt e sono seduto con mio padre all’aperto nella meravigliosa Värmdö, nell’arcipelago di Stoccolma. Papà è un coach professionale e lavora come consulente di carriera dal 2003.

Tu hai scritto un libro sul coraggio e oggi vuoi parlare del perché il coraggio è così importante per chi cerca lavoro, giusto?

Joakim: “Sì, sì, è così.”

Johan Bertil: “Bene, quindi come vuoi fare questo pod?”

Joakim: “.Voglio spiegare cosa sia il coraggio, perché è così difficile ed impegnativo essere coraggiosi e perché il coraggio sia così importante per chi cerca lavoro e, infine, come lo si possa allenare”

Johan Bertil; “Mi piace. Va bene, allora che cosa è il coraggio?”

Joakim: “ Il coraggio è abbracciare la paura e fare le cose che vuoi fare anche se hai paura di farle e l’azione è rischiosa. Il coraggio è superare la paura, il coraggio agisce anche se hai paura. Molte persone che incontro pensano al coraggio come l’opposto della paura ma invece la paura è il prerequisito del coraggio. Senza paura non c’è coraggio.”

Johan Bertil:“Sembra impegnativo, come hai detto.”

Joakim: “Sì, lo è, il coraggio è qualcosa di individuale. Tutti noi abbiamo la propria comfort zone che si espanderà quandolasciamo la zona o si restringerà quando per qualche ragione decidiamo di non lasciare la zona. Si può dire che il coraggio sia un muscolo singolo  che si sviluppa sulla base dell’allenamento. Sfortunatamente commettiamo l’errore di paragonare noi stessi con gli altri con una diversa comfort zone rispetto alla nostra. Guardiamo le altre persone e pensiamo: “Dio mio, lui/lei è davvero coraggioso, io no”, a volte senza nemmeno conoscerli. Quello che la gente fa può essere all’interno della loro comfort zone, ma fuori dalla nostra. Ciò non significa che siano più coraggiosi di noi. Questo dimostra che abbiamo diverse comfort zone e che ogni individuo decide e definisce che cosa sia il coraggio per lui o per lei.

Johan Bertil: “Puoi darci un esempio di che cosa significhi?”

Joakim: “Prendi qualcuno che sta tenendo un discorso o un seminario- questa è una cosa di cui molte persone ne hanno timore. Ne ero intimorito anche io molti anni fa; essere al centro dell’attenzione, quando tutti ti ascoltano, ti pongono domande a cui forse non sei in grado di rispondere. Oggi, per me non è nulla. Dunque, non sono coraggioso ora perché tengo dei seminari poiché non ho paura di farlo. Tenere dei discorsi è all’interno della mia comfort zone, ma era al di fuori quando iniziai”

Johan Bertil: “Dunque, vuoi dire che non sei coraggioso nel farlo anche se molte persone lo pensano?

Joakim: “Giusto. È dentro la mia comfort zone, ma forse fuori dalla loro. Il problema è, come ho detto già prima, è che paragoniamo noi stessi con gli altri”

Johan Bertil: “Sì, capisco. Hai anche detto che essere coraggioso è impegnativo. Che cosa intendi con questo?”

Joakim: “Sì, noi esseri umani siamo cablati per la sicurezza e anche per la connessione. Ci piace appartenere, vogliamo appartenere a qualcuno o qualcosa, un gruppo, una squadra, una tribù o un quartiere, persino i pantaloni a vita bassa! Anche se pensano di manifestare la loro individualità, vogliono appartenere a un gruppo. Voglio dire, se no, perché dovrebbero vestirsi esattamente allo stesso modo, giusto? ”

Johan Bertil: “Giusto”

Joakim: ““Coraggio significa superare la paura e lasciare la zona di comfort. Dal momento che siamo cablati per la sicurezza e la connessione, il nostro sistema ci dirà di rimanere all’interno della zona di comfort, quando ci sentiamo spaventati o corriamo un rischio. Nel profondo siamo rimasti mammiferi primitivi. Quando vivevamo in tribù nella savana non sopravvivevamo senza la tribù.

L’evoluzione funziona molto lentamente e profondamente dentro di noi pensiamo ancora che essere senza la tribù ci porterà a una certa morte per noi. Anche se intellettualmente sappiamo che non è vero, alcune parti del nostro cervello hanno un sistema molto vecchio e funzionano ancora secondo la realtà della savana. Coraggio significa superare la paura e la cosa di cui abbiamo più paura è il fallimento. Se falliamo proviamo vergogna, che è un’emozione molto potente e che cerchiamo di evitare. Vergogna significa che siamo inutili e non meritevoli di amore.”

Johan Bertil: “E poi saremo esclusi dalla tribù, vuoi dire?”

Joakim: “Sì, esattamente. Se falliamo, la tribù potrebbe anche pensare che siamo inutili, e corriamo il rischio di essere scacciati. Quindi l’essere umano moderno con il vecchio cervello che vuole essere coraggioso e che corre il rischio di fallire potrebbe affrontare la morte. Ecco perché è così impegnativo. Coraggio per noi significa dover lavorare contro il nostro sistema di sicurezza naturale.

Johan Bertil: “Ci sentiremo meglio anche se sbagliamo di tanto in tanto?”

Joakim: “Sì, naturalmente. Se sbagliamo possiamo apprendere dai nostri errori e sperimentare che sopravviviamo e che lo sforzo è valso la pena- senza fallimenti non c’è sviluppo. Voglio dire, non puoi sviluppare te stesso all’interno della comfort zone. La vita inizia fuori dalla zona.

Ma se vuoi lasciare la tua zona di comfort, devi lasciar andare il controllo e il controllo è un’altra cosa che rende il coraggio davvero impegnativo. E il controllo ha un valore elevato nella nostra società. Se hai il controllo o sembra che tu abbia il controllo, è qualcosa di positivo. Il controllo rappresenta uno status elevato. La paura non ha alcun valore. Se ammetti di avere paura o paura di qualcosa, le persone potrebbero pensare che sei debole.

Non ti vorranno nella tribù, stare con te potrebbe significare un rischio. Quindi, invece di rischiare di essere visto come un debole, la maggior parte delle persone rimane all’interno della propria zona di comfort, senza rischiare di essere coraggiosa, rischiando di fallire. Anche quando ci avvicineremo ai confini della nostra zona di comfort, inizieremo a spaventarci. E la paura ci sta dicendo che siamo su una strada pericolosa, potremmo fallire: ritorna alla sicurezza!

Certo, non intendo, che è bene fallire sempre. Tante volte abbiamo successo, quindi ci sono molti vantaggi nell’essere coraggiosi. Sperimenterai di essere capace in molte cose che non pensavi di essere. L’autostima e la fiducia in te stesso aumenteranno. Progredirai in molte aree della tua vita. “

Johan Bertil: “È davvero interessante. In realtà non ho mai pensato alla paura e al coraggio in questo modo. A volte vedi persone in azione e non sembrano affatto spaventate “.

Joakim: Sì, ma se fossero spaventate perché dovrebbero dirtelo? Voglio dire, dato che la paura è uno status basso… A volte, quando vedi le persone in azione, potrebbero già avere superato le loro paure, non lo puoi sapere”.

Johan Bertil: “Dunque non x’è paura in queste persone?”

Joakim: “Certo che c’è. Le persone che si muovono all’interno della propria zona di comfort non hanno paura. E ci sono anche Temerari. I temerari agiscono e basta. Vedono qualcosa che vogliono e vanno a prenderselo. Ma i temerari non sono coraggiosi. Agiscono semplicemente senza pensare o lasciare che i loro sentimenti emergano. Potrebbero semplicemente prendere il telefono per una chiamata di lavoro importante senza pensarci prima o averla pianificata. Mentre la persona coraggiosa sente il proprio timore per quella stessa telefonata, la pianifica, supera la paura e infine effettua la chiamata. “

Johan Bertil: “Va bene, sì, hai menzionato il lavoro. Hai affermato che il cercare lavoro è uno dei progetti più impegnativi e solitari del mondo. Che cosa intendevi con questo?

Joakim: “Bene, come ho detto prima, nel profondo, vogliamo appartenere a una tribù o a un gruppo. Lasciare un lavoro o essere licenziato dal lavoro è dover lasciare la tribù, forse la tribù più importante che abbiamo, dal momento che ci definiamo molto in base al lavoro che abbiamo. Anche se forse abbiamo un career coach per supportarci, la famiglia e gli amici a sostenerci.

Voglio dire, la famiglia e gli amici sono anche tribù molto importanti. Tuttavia potremmo sentirci soli comunque, come un reietto che nessuno vuole assumere, anche se abbiamo familiari e amici intorno. Non sanno cosa significhi essere in cerca di lavoro se non lo hanno sperimentato. Sono un career coach dal 2003 e ho incontrato così tanti professionisti intelligenti e competenti che lottano con la sensazione di inutilità e solitudine; sensazioni molto comuni, durante la gestione dei progetti di ricerca del lavoro. Ecco perché è così impegnativo.”

Johan Bertil: “Sì, ma cosa altro?”

Joakim: “Bene, tradizionalmente la ricerca di lavoro riguarda l’attesa degli annunci, la preparazione delle candidature. Troppa attesa ti prosciuga l’energia, diventi passivo. Pensa a un’auto: tu sei il guidatore dell’auto. Solo gli annunci di risposta sono seduti nella parte posteriore dell’auto mai che qualcun altro prenda le decisioni per te, perché tu devi aspettare l’annuncio giusto. Ci sono molti altri modi per trovare un lavoro, ma richiedono coraggio. Per ottimizzare il progetto, vale a dire, renderlo il più breve possibile, devi metterti al volante e agire. “

Johan Bertil:“Sì, lasciare la comfort zone.”

Joakim:“Si, esattamente. Una delle cose per le quali faccio un training a chi cerca lavoro è l’invio di candidature spontanee. Si tratta di contattare le organizzazioni che non hanno alcun annuncio sui loro siti web, [quindi] apparentemente non hanno posizioni aperte, contatta tali organizzazioni e chiedi se hanno necessità di assumere qualcuno.”

Johan Bertil: “Vuoi dire, vendere se stessi, per telefono?”

Joakim: “No, non intendo dire questo, non cercare di venderti per telefono. Chiedi se hanno bisogno di assumere qualcuno. Lo scopo è quello di ottenere informazioni sul tuo mercato di lavoro in modo da poter fare delle mosse strategiche per il tuo progetto di ricerca di lavoro. Quelli che potrebbero avere un’apertura in futuro e in linea con il tuo curriculum a cui inviare una candidatura spontanea. Ma questa azione di presa di contatto è impegnativa poiché c’è un grosso rischio che le organizzazioni non abbiano affatto bisogno e che tu possa sentirti rifiutato. Il rifiuto crea colpa e vergogna che tu automaticamente stai cercando di evitare.

Naturalmente, rischierai di essere rifiutato anche quando invii candidature, in risposta agli annunci. Forse non ti avvicinerai nemmeno a un colloquio anche quando ti sentirai sufficientemente competente. Quindi il rischio di sentirsi respinto è ovunque in questo progetto e si tratta di qualcosa di impegnativo che la persona in cerca di lavoro deve affrontare. La persona in cerca di lavoro deve affrontare il rischio di essere respinta – e la sensazione di inutilità e di essere un reietto potrebbe venire come conseguenza- e la maggior parte delle persone in cerca di lavoro non lo vuole fare”.

Johan Bertil: “ Vuoi dire che si concentreranno solo sugli annunci?”

Joakim: “Sì, ma in quel caso [affrontano] altri rischi, ad esempio rischiano di prolungare il loro progetto di ricerca di lavoro. E anche il rischio che aspettare l’annuncio giusto consumi energia. Inoltre, la concorrenza è molto più grande quando ci si candida solo per gli annunci. Quindi per essere un ricercatore di lavoro di successo devi essere coraggioso.

Johan Bertil: “Sì, il coraggio sembra davvero importante. Come si può allenare il coraggio?

Joakim:“ In svariati modi. Un modo è rimanere dentro e accettare il proprio nervosismo. Quando sei al limite della tua zona di comfort, diventi nervoso e ansioso e vuoi andartene, ma resta lì, respira e di’ ad alta voce: ecco come mi dovrei sentire. Va bene, sto bene!”

Johan Bertil: “Sto bene?!”

Joakim: “Sì, sto bene. Ecco come mi dovrei sentire. È naturale, sono nervoso e spaventato perché sto per lasciare la zona di comfort. Mettiti di fronte allo specchio e dillo ad alta voce e quando senti che il tuo cuore batte forte, fai dei respiri profondi. Quindi fai la cosa che vuoi fare. Voglio dire, la prossima volta che ti troverai al limite della tua zona di comfort, proverai lo stesso nervosismo, ti sentirai ancora spaventato, ma saprai per l’esperienza precedente che è stato un bene farlo. E con il linguaggio della savana: sopravvivrai. Lo farai più spesso e poi ti abituerai ad avere paura.”

Johan Bertil: “Va bene, questa è una cosa che si può fare, dire a se stesso che il nervosismo è naturale in altre parole, ammetterlo con se stesso. E cos’altro?

Joakim: “ Potresti anche fare resistenza al senso di vergogna. Come ho detto prima, la vergogna è un forte sentimento di scontento che ci impedisce di essere coraggiosi. Se falliamo, potremmo pensare a noi stessi come esseri inutili, non degni di amore e di appartenenza e proviamo vergogna. Non puoi liberarti della vergogna fingendo che non ci sia! Quindi la cosa migliore è farle resistenza. Puoi farlo parlando con qualcuno di cui ti fidi, qualcuno che ti ascolterà senza darti consigli o giudicarti.”

Johan Bertil: “Va bene, ma come?”

Joakim: “ Bene, innanzitutto iniziando ad ammettere la vergogna che potresti provare. Chiunque può provare empatia può anche provare vergogna, quindi non sei solo! La vergogna è una sensazione naturale che la maggior parte delle persone sperimenta in situazioni scomode, complicate o imbarazzanti. Cerca di capire che cosa scatena la vergogna dentro di te. Cerca di capire perché provi vergogna. E in secondo luogo, condividi la tua storia con qualcuno di cui ti fidi – digli quando e come provi vergogna.

Di ‘alla persona solo di ascoltare e non darti consigli o altro. E in terzo luogo, ascolta la storia dell’altra persona e riconosci che entrambi vedrete come i vostri sentimenti siano normali e naturali. Normalizzerà i tuoi sentimenti e ti sentirai meno solo e ciò ti renderà più coraggioso. E pensa anche ai benefici di essere coraggioso: maggiore autostima e fiducia in te stesso, progressi nel tuo progetto di ricerca di lavoro e nella tua vita, e la sensazione di poter effettivamente avere il controllo della tua vita e [fare] fare qualcosa che vuoi davvero fare”

Johan Bertil: “Questo è davvero un bene. Pensi che puoi riassumere tutto ciò per gli ascoltatori…”

Joakim: “ Sì, naturalmente! Ok, quindi il coraggio avvolge la paura, per superare la tua paura e fare ciò di cui hai paura. Senza paura non c’è coraggio. Il coraggio è impegnativo poiché si tratta di vivere con paura e il senso del rischio e di lasciare la zona di comfort. Come esseri umani siamo cablati per la sicurezza e la connessione, siamo mammiferi primitivi che hanno bisogno di una tribù o di un gregge. Coraggio significa rischiare di fallire e per i nostri vecchi cervelli fallire potrebbe significare essere esclusi dalla tribù e affrontare la morte.

Coraggio significa mostrarti come sei veramente, che potrebbe entrare in conflitto con la tribù o le norme del gregge e potresti sentirti solo. Ecco perché il coraggio è così impegnativo. Avere un progetto di ricerca di lavoro efficace richiede coraggio e fare candidature spontanee, e andare a un colloquio e impegnarsi nelle fasi necessarie per trovare lavoro più velocemente, avrai bisogno di coraggio.

E se leggi e capisci lo svedese, puoi leggere “Mera Mod” che potrà darti ulteriori suggerimenti sul coraggio.”

Johan Bertil: “Grazie e con questo concludiamo. Spero che ti sia piaciuto ascoltare. Sono Johan Bertil Muschött che firma da Värmdö, Svezia.”

Joakim:“Grazie mille. Ciao ciao.”

Ascolta in originale

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.