Palermo. Lo sciopero alla rovescia del pane e delle rose

Riaprire sì ma in sicurezza e perché ciò avvenga, servono soluzioni urgenti.  E quel che pensano i ristoratori di Palermo che dopo aver partecipato a flash mob nazionale #RiosorgiamoItalia dei giorni scorsi aprendo i negozi e accendendo le insegne e poi consegnando, simbolicamente,  le chiavi dei propri locali al sindaco Orlando perché le porti a Roma insieme alle loro richieste, il 1° maggio hanno organizzato lo Sciopero alla rovescia.

Nel giorno dedicato ai lavoratori non si sono limitati ad alzare le saracinesche e ad accendere le insegne ma hanno rimesso in moto le cucine per preparato gustose portate (2mila pasti) distribuiti da 50 volontari alle famiglie più in difficoltà della città. E insieme alle prelibatezze, sono stati distribuiti anche i fiori grazie ad una imprenditrice che ne ha donato un camion pieno.

Per l’occasione, inoltre, è stata resa nota la somma raccolta dalla campagna Un banco del sorriso a Ballarò, ’lanciata all’inizio del confinamento: 2mila euro che saranno impiegati in azioni di sostegno per i più svantaggiati.

L’iniziativa – organizzata dalla Prima Circoscrizione con Sos Ballarò, Kala Onlus, Kalsa Solidale e Ubuntu – si è ispirata al sociologo Danilo Dolci che proprio in Sicilia, per l’esattezza a Partinico, nel 1956 organizzò il primo sciopero alla rovescia, ossia una protesta sindacale espressa “svolgendo un lavoro non richiesto o vietato”.  E, infatti, Dolci nel febbraio di quell’anno guidò un gruppo di braccianti  disoccupati a lavorare in una strada abbandonata all’incuria e per quell’iniziativa venne arrestato e processato. Palermo ci rimanda ancora più lontano: al 1912, allo storico sciopero del settore tessile di Lawrence (città degli USA), uno protesta iniziata dalle donne che ebbe poi talmente tante adesioni e risonanza che superò l’oceano e coinvolse anche i lavoratori europei. Fu chiamato, appunto, lo sciopero del pane e delle rose.

Ma in Sicilia c’è chi le proprie cucine non le ha mai chiuse. Come in tante altre parti d’Italia ci sono ristoratori che con la collaborazione di volontari e di associazioni  umanitarie dall’inizio del lockdown cucinano per chi, senza poter lavorare, si è ritrovato anche senza le risorse per fare la spesa.

Alessandro Cimino, racconta antimafiaduemila.it, con i dipendenti e 2 volontari  cucina per 2 associazione di Palermo e 2 di Villabate.   E sono centinaia i pasti pronti che Cimino organizza ogni giorno grazie alla solidarietà di tante persone hanno risposto alla sua iniziativa, diffusa con i social e con il passa parola al quale hanno risposto altri commercianti e soprattutto i cittadini che comprano quel qualcosa in più per donare al Banco Alimentare organizzato in questo periodo da molti supermercati in tutta Italia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.