Abbanews prima pagina

0

Coronavirus. Scorretto sostenere che bambini non si infettano

Scorretto sostenere che bambini non si infettano avvisa Giuseppe Di Mauro, presidente della Scocietà Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Si ammalano e sulla reale contagiosità del virus in età pediatrica non abbiamo evidenze robuste. Quindi alla vigilia della Fase 2 non ci sono dubbi “i bambini che andranno a fare visita ai nonni dovranno indossare la mascherina e mantenere la distanza di sicurezza”

0

Premio per la libertà di stampa in ricordo di Guillermo Cano

Ne 1997 è stato creato l’UNESCO World Press Freedom Prize per la libertà di stampa in memoria del giornalista Guillermo Cano. Un premio che rende omaggio a una persona, organizzazione o istituzione che ha dato un contributo eccezionale alla difesa e, o alla promozione della libertà di stampa in qualsiasi parte del mondo, ad elevato rischio personale. Nel 2020 la vincitrice è Bedoya Lima, connazionale di Cano, un esempio eccezionale dal punto di vista professionale ed umano

0

Un metro di distanza. Il prepotente si abituerà a rispettare il più debole?

Lo street artist Maupal spiega il suo nuovo murale apparso a Roma.” L’abitudine di mantenere le distanze e usare le mascherine, come una precauzione di ordine sanitario includerà con il tempo anche una nuova forma di rispetto a livello mentale e umano verso se stessi e verso il prossimo… . Questo credo, questo spero”. E noi con lui. Ma c’è chi ci ammonisce a frenare gli entusiasmi, convinto che finita l’emergenza “tutto tornerà come prima”

0

Palermo. Lo sciopero alla rovescia del pane e delle rose

Il 1° maggio i ristoratori del centro di Palermo hanno rimesso in moto le cucine per cucinare 2mila pasti distribuiti alle persone in difficoltà. Ma è stata una protesta. Quel che hanno fatto è lo sciopero alla rovescia, come fece per la prima volta nel 1956, proprio in Sicilia, il sociologo Danilo Dolci

0

Perché il lockdown è stato efficace

Lo studio condotto dall’Università di Padova dimostra che le misure restrittive hanno ridotto del 45% la trasmissione del contagio. Ma per la riapertura serve prudenza e cautela perché “se dovessimo tornare alle condizioni di febbraio saremmo ancora in tempo per una catastrofe”

0

Fase 2. Le mascherine, i guanti e il Mediterraneo

Secondo una stima del Politecnico di Torino nella Fase 2 serviranno 1 miliardo di mascherine e mezzo miliardo di guanti al mese. Allarme ambientale per il loro eventuale smaltimento scorretto. La soluzione potrebbe essere nei dispositivi in cotone lavabili e riutilizzabili. Il progetto di una cooperativa sociale