Il Sindaco Pescatore raccontato a teatro

Locandina della piece

Locandina della piece

La vita di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica (Salerno) rimasto vittima di un attentato il 5 settembre 2010, rivissuta in teatro, attraverso l’interpretazione di Ettore Bassi, grazie alla regia di Enrico Lamanna, ai testi di Edoardo Erba e alla produzione di Panart Produzioni e alle musiche di Pino Donaggio

Il testo teatrale che prende le mosse e il titolo dalla biografia del sindaco Il Sindaco Pescatore si snoda in un monologo di un atto unico, al quale fanno da contraltare, coadiuvando il racconto, varie voci fuori campo.
E l’opera teatrale fedele al testo biografico, racconta di un uomo, Angelo Vassallo che credeva talmente nella bellezza della sua terra, da valorizzare e, soprattutto, da conservare attraverso le buone pratiche di un’amministrazione all’insegna della legalità, al punto da non tirarsi indietro neanche di fronte al rischio di perdere la vita.

Era chiamato il “sindaco pescatore”, per la grande attenzione che riservava all’ambiente e, in particolare, al mare della sua Pollica, consapevole di come e quanto rappresentasse la vera ricchezza non solo estetica, di tutto il territorio. Sindaco per quattro mandati dal 1995 al 2010 era famoso nel mondo.

Nel 2007 era stato promotore della proposta d’includere la dieta mediterranea tra i “Patrimoni orali e immateriale dell’umanità”.  Dopo tre anni di negoziati, l’Unesco accettò la candidatura il 16 novembre 2010. Un suo successo, il riconoscimento dell’Unesco, della quale non fece in tempo a essere spettatore, per solo due mesi.

La sera del 5 settembre 2010, mentre era alla guida della sua automobile per rincasare, fu fermato da una o più persone che gli spararono contro nove pallottole, sette delle quali lo colpirono.  Ancora oggi l’assassino o gli assassini, il mandante, il motivo dell’attentato, sono ignoti e le indagini in corso. Si sospetta la matrice camorristica, l’organizzazione criminale che vedeva in Vassallo e nelle misure che aveva adottato in difesa dell’ambiente, un ostacolo per i suoi traffici di droga, soprattutto via mare.

Un uomo semplice, un eroe normale come recita la pièce, che lascia non solo nella sua Pollica, ma nella memoria di ognuno di noi un segno profondo.

Le date e luoghi dello spettacolo

21 marzo Polignano a mare, 5 aprile Nucera, 6 aprile Nardò, 7 aprile Lecce, 8 aprile Grottaglie, 10 aprile Adelfia, 18 aprile Manfredonia.

Stagione 2016 – 17

22 novembre Brindisi –  Nuovo Teatro Verdi, 27 novembre Bari – Teatro Forma, in doppio turno alle h.18 e alle 20,30, 14 gennaio 2017, Maccarese (Roma), La Casa della Partecipazione, h. 21,00, ingresso gratuito

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.