Unicef. Una lezione quotidiana per contrastare la violenza nelle scuole

An Everyday Lesson: #ENDviolence in Schools – Una lezione quotidiana per l’eliminazione della violenza a scuola, è il rapporto di parte della campagna mondiale dell’Unicef contro la violenza UNICEF #ENDviolence.

Non solo una fotografia della violenza presente nelle scuole e negli ambienti vicino agli istituti scolastici, ma la volontà di mettere in atto una serie di azioni e strategie per contrastare al violenza nelle scuole. Coinvolti oltre l’UNICEF, il Dipartimento per lo Sviluppo Internazionale del Regno Unito (DFID), l’UNESCO, altri membri del Global Partnership to End Violence Against Children.

A livello globale, metà degli studenti di età compresa tra 13 e 15 anni subisce violenze da pari a pari all’interno e nei dintorni della scuola. Questa violenza ha effetti a breve termine sui risultati scolastici e può avere gravi conseguenze a lungo termine sulla vita dei bambini, sul loro futuro e sul futuro delle comunità in cui vivono.
Gli studenti sono spesso presi di mira a causa di chi sono o da dove vengono. Troppi studenti in tutto il mondo sperimentano violenza per troppo tempo, ma insieme si può iniziare cambiare la situazione.

Numeri che contano
Per milioni di studentesse e studenti la scuola non è un ambiente sicuro per studiare e crescere. La scuola come ogni comunità va salvaguardata da abusi e soprussi, purtroppo endemici ad ogni organizzazione umana.

1 su 3 studenti dai 13 ai 15 anni ha sperimentato fenomeni di bullisimo; 1 su 3 studenti dagi 13 ai 15 anni è coinvolto in lotte fisiche; 500 attacchi a scuola sono documentati o verificate nella Repubblica Democratica del Congo, il Sud del Sudan, lo Yemen nel 2017; intorno ai 720 milioni di bambini e ragazzi in età scolare vivono in paesi dove la punizione coroporale nelle scuole non è stata abolita completamente.

Più della metà degli adolescenti nel mondo sperimentano violenza da parte dei pari a scuola e nelle vicinanze.

La campagna chiede un intervento da parte di tutti coloro che costituiscono la comunità scolastica, attivando il senso di responsabilità e di condivisione, spingendo ad agire “dal basso” per raggiungere un autentico cambiamento: “Se sei uno studente, un genitore o un insegnante, agisci per richiedere ambienti sicuri in cui i bambini ei giovani possano sentirsi al sicuro a scuola, nella loro comunità e online. Classe per classe, scuola per scuola, nazione per nazione, possiamo mettere fine alla violenza nelle scuole“.

Make your voice heard – Fai sentire la tua voce

Al fine di rafforzare la lotta alla violenza nelle scuole, la campagna dell’Unicef lancia una Sondaggio/Richiesta rivolto a giovani dai 13 ai 24 anni di tutto il mondo.

Ecco le domande:

  • Ti sei mai sentito preoccupato in merito alla violenza all’interno della tua scuola o nelle vicinanze di essa?
  • Che cosa fanno i politici, gli insegnanti e altri adulti coinvolti, per mantenere sicuri te e i tuoi amici a scuola e nei dintorni?
  • Che cosa puoi fare tu e i tuoi amici per rendere la tua scuola e l’ambiente vicino un luogo più sicuro?

Studenti- docenti- genitori
Ogni attore protagonista del mondo scolastico può fare qualcosa per contrastare la violenza.
La violenza nelle scuole può avere gravi conseguenze a lungo termine sulla vita dei bambini, sul loro futuro e sul futuro delle comunità in cui vivono. Per troppi studenti e studentesse di tutto il mondo, la violenza è diventata una lezione di tutti i giorni, ma insieme possiamo cambiare la situazione.
Studenti, docenti e genitori possono agire per creare ambienti sicuri dove i bambini e i giovani possano vivere e apprendere senza paura.

CHE COSA SI PUÒ

Studentesse e studenti

Sii gentile. Avvia una conversazione con un timido compagno di classe o compagno di studi. Anche qualcosa di piccolo può migliorare la giornata di qualcuno, specialmente se si sta attraversando un periodo difficile.

Parla ad alta voce. Se sei preoccupato per la tua sicurezza o quella di un amico, parla urgentemente con qualcuno di cui ti fidi, un genitore, un insegnante, un amico intimo, un fratello o sorella maggiore, un operatore di aiuto telefonico, spesso anonimo. Ricorda che non sei solo. Non tenere le tue paure, preoccupazioni dentro di te.

Sappiamo che può essere difficile dire ad un’altra persona cosa sta accadendo, a causa della vergogna o dell’imbarazzo, ma hai il diritto di essere al sicuro! Se è difficile parlare, prova a scrivere le tue esperienze e a consegnare il tuo scritto a qualcuno di cui ti fidi o mostralo in modo anonimo da qualche parte in cui un adulto responsabile e fidato possa leggerlo.

Condividi le tue idee. In che modo le scuole e le comunità possono essere rese più sicure per te, i tuoi amici e i tuoi compagni di studio? Esprimi la tua opinione.

Diventa creativo. Crea un tuo personale fumetto sul “Super eroe scolastico” (il 5 ottobre 2018 scade il concorso per la creazione del super eroe) che aiuta te o i tuoi amici e compagni di studio a sentirsi sicuri.

Approfondisci le tue conoscenze e agisci. Utilizza l’activity pack Safe to Learn (una casetta per gli attrezzi per un ambiente sereno di apprendimento) per approfondire il tema della violenza contro bambini e giovani e creare i propri progetti per il cambiamento:
> Sviluppa una carta di sicurezza nella tua scuola o crea un “cartamoneta di promesse” per promuovere la sicurezza
> Fai una passeggiata sulla sicurezza della scuola e un piano d’azione guidato dagli studenti
> Crea una mappa della comunità e un piano d’azione
> Crea una campagna per rendere le scuole più sicure nel tuo paese.

Genitori

Parla apertamente. Parla ai tuoi figli di ciò che pensano sia un comportamento buono e cattivo a scuola, nella comunità e online. Assicurati che capiscano i vari rischi e cosa fare se qualcosa li turba. È importante avere una comunicazione aperta in modo che i bambini si sentano a proprio agio a raccontare quello che sta succedendo nella loro vita.

Guarda da vicino. Osserva lo stato emotivo dei bambini, poiché alcuni bambini potrebbero non esprimere le loro preoccupazioni verbalmente. Cambiamenti nel comportamento, nell’appetito e nel sonno possono indicare il livello di ansia o di disagio.

Mettersi in gioco. Partecipa alle riunioni scolastiche o all’associazione / comitato locale dei genitori / insegnanti per saperne di più sulle politiche della scuola in materia di sicurezza e per scoprire in che modo puoi contribuire ad affrontare le sfide locali.

Essere preparato. Scopri le risorse che esistono nella tua comunità per affrontare i casi di violenza nelle scuole e assicurati che anche altri genitori e adulti nella tua comunità siano a conoscenza.

Dare l’esempio. I bambini apprendono comportamenti e abitudini dagli adulti più vicini a loro (genitori, insegnanti…). Rifletti sul tuo comportamento – le tue reazioni e il modo in cui educhi il tuo bambino – e il comportamento degli adulti con cui tuo figlio interagisce. Scopri le tecniche di disciplina positiva.

Cosa fare se un bambino ti dice che sta vivendo violenza?
In primo luogo, ascolta il bambino nel modo più aperto, calmo e silenzioso possibile. Non fare promesse che non puoi mantenere.
Dì al bambino che credi in lui; che sei contento che ti abbia parlato; che non è colpa sua; che farai del tuo meglio per supportarlo; e che potresti non essere in grado di mantenere confidenziali queste informazioni. In alcuni paesi è la legge a segnalare casi di violenza contro i bambini alle autorità. Quindi, segnalare immediatamente la divulgazione ai servizi locali di protezione dei minori o altra autorità competente

Docenti

Approfondisci la comprensione del fenomeno della violenza  a scuola con i tuoi studenti e studentesse. Permetti loro di agire all’interno della scuola e nelle comunità vicine, a livello nazionale e globale, con il pacchetto di attività di Safe To Learn dell’UNICEF.

Preparati. Ripassa come insegnare argomenti sensibili e quali azioni intraprendere se un bambino rivela violenza usando la Guida per l’insegnante del pacchetto Safe To Learn (vedi pagina 18).

Promuovi la discussione. Usa creatività e strumenti multimediali per avviare discussioni e dare spazio ai ragazzi per sviluppare le loro idee nell’affrontare la violenza contro i pari:
> Organizza un seminario sul concorso per il fumetto supereroe con i tuoi studenti e studentesse per promuovere ambienti scolastici sicuri;
> Usa i video UNICEF sulla “crescita online” per coinvolgere gli studenti e le studentesse nelle discussioni sulla sicurezza online;

Alimenta gli atteggiamenti che respingono la violenza e promuovono la risoluzione non violenta dei conflitti. Con l’aiuto delle studentesse e degli studenti, stabilisci le norme di comportamento per la tua classe. Apprendi e insegna le capacità di risoluzione dei conflitti e di gestione della rabbia. Aiuta i tuoi studenti ad esercitarle applicandole nella vita di tutti i giorni.

Aumenta la consapevolezza. Assicurati che gli studenti e le studentesse siano consapevoli delle politiche della scuola e sappiano come agire se subiscono violenze. Divulga le  linee di assistenza telefonica o dei centri di protezione sociale.

Coinvolgi i genitori. Invita regolarmente i genitori a parlare con te dei progressi dei loro figli e delle preoccupazioni che hanno. Scrivi e invia note per celebrare i risultati dei figli.

Aiuta a creare una scuola sicura. Offri la tua collaborazione per far parte di una squadra o di un comitato per sviluppare e attuare un piano per rendere la tua scuola sicura, compreso il modo in cui gli insegnanti dovrebbero rispondere in caso di emergenza.

Dare l’esempio
Utilizza tecniche di disciplina positiva per gestire la tua classe.

Per la lettura integrale del RapportoAn Everyday Lesson: #ENDviolence in Schools

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.