Tolleranza e rispetto. La base dei diritti umani

Come già annunciato da abbanews.eu, il 25 settembre 2020 si è svolta a Roma, davanti a Castel San Angelo, la manifestazione per la tutela dei diritti umani in Polonia. L’evento avvenuto in concomitanza con la visita ufficiale del Presidente polacco, Andrzej Duda in Italia, è stata organizzata dalla costituenda associazione Polonia in Europa.

Un esempio di cittadinanza attiva oltre ogni colore politico, ma ispirato “semplicemente” dal desiderio di vivere sulla base dei diritti naturali, inalienabili dell’uomo.

La manifestazione intitolata Uniti nella diversità: l’identità sessuale è un diritto ha voluto sostenere e supportare la comunità LGBT+ in Polonia e i numerosi cittadini polacchi che sostengono la difesa dello stato di diritto e dei principi di uguaglianza.


Nel messaggio introduttivo Agnieszka Martina Bladowska, membro del Comitato organizzativo della manifestazione, ha tratteggiato la situazione attuale in Polonia: “Il governo ha messo in atto e sostenuto, soprattutto durante gli ultimi due anni, politiche discriminatorie contro la comunità LGBT+ attraverso una serie di misure illecite e repressive, incoraggiando la Chiesa cattolica a fare altrettanto.

Costituzione delle LGBT+ free zones, arresti ingiustificati e repressione violenta di attivisti LGBT+, dichiarazioni discriminatorie e chiaramente omofobe del Presidente Andrzej Duda, abolizione dell’educazione sessuale nelle scuole, indottrinamento omofobo della comunità cattolica da parte della Chiesa polacca sono solo alcune delle azioni che stanno creando e montando un dilagante e crescente clima d’odio e violenza all’interno del tessuto sociale del Paese.

Questa crociata omofoba messa in atto dal Governo polacco viola i diritti fondamentali umani e l’Unione Europea (articolo 21 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea ndr)”.

Ha fatto seguito la lettura del messaggio di Amnesty International Italia, supporter dell’iniziativa, il cui testo riportiamo di seguito

“Care amiche, cari amici,
nell’impossibilità di essere fisicamente presenti alla vostra iniziativa, desideriamo manifestarvi l’appoggio e la solidarietà di Amnesty International Italia. Da tempo, osserviamo e denunciamo con preoccupazione la progressiva erosione dello stato di diritto e il mancato rispetto dei diritti fondamentali da parte delle autorità polacche, con particolare riferimento alle donne e alla comunità Lgbti. La Polonia sta mettendo in discussione i valori fondanti dell’Unione europea ed è tempo che le istituzioni comunitarie intervengano con gli strumenti normativi e politici e a loro disposizione.

I nostri colleghi e le nostre colleghe di Amnesty International Polonia ci testimoniano costantemente il coraggio e la determinazione delle tante persone che si battono per difendere i diritti umani nel vostro paese e si sentono orgogliose e orgogliosi di far parte di questa comunità in lotta.

Con i nostri più cari auguri
Riccardo Noury
Portavoce Amnesty International Italia

 

 

 

 

Immagini: Roma, 25 settembre 2020, Castel San Angelo. Manifestazione Uniti nella diversità: l’identità sessuale è un diritto. Fotografie per gentile concessione ad abbanews.eu del fotografo Renato Martino Bruno

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.