Taggato: piattaforma digitale

0

Cineteca di Bologna. Uomini e voci del Congresso socialista di Livorno

La Cineteca di Bologna ha restaurato e messo online -fino al 17 febbraio 2021 – un documento d’epoca del 1921 che racconta i giorni del XVII Congresso del Partito Socialista che si concluse con la storica scissione di Livorno, con i commenti del regista Paolo Virzì, del professor Paolo Capuzzo, direttore del Dipartimento di Storia dell’Università di Bologna e del direttore della Cineteca, Gian Luca Farinelli

0

MioCinema. In attesa che le sale riaprano

La piattaforma digitale MioCinema.it, oltre ai film d’autore, mette al centro del proprio progetto, le sale cinematografiche. Si sceglie il film ma anche il cinema che aderisce all’iniziativa che riceve il 40% del costo del titolo. In attesa che riaprano perché “mai come ora ci siamo resi conto di quanto ci manca il cinema”

0

A scuola di Epilessia, quando la malattia ci chiede di sapere

LICE (Lega Italiana contro l’Epilessia) lancia la prima campagna educativa digitale nelle scuole Dal 24 settembre, online la prima piattaforma digitale interattiva sull’epilessia per insegnanti e studenti tra gli 8 e i 12 anni. Giochi educativi e tool interattivi per imparare a soccorrere un compagno con epilessia e per gli oltre 60% dei docenti che non sa come intervenire in caso di crisi epilettica di un alunno

0

È on line l’epistolario di Alcide De Gasperi

Sono on line le prime 1300 lettere (quasi tutte inedite) dell’epistolario di Alcide De Gasperi, frutto del processo di digitalizzazione al cui termine (previsto per il 2021) raccoglierà tutte le missive intercorse tra lo statista e i grandi protagonisti della politica nazionale, internazionale, amici, conoscenti e semplici cittadini, circa 5mila documenti che racconteranno in prima persona e ‘in presa diretta’ una parte fondamentale della Storia del Novecento nazionale e internazionale

0

Alternanza scuola lavoro. La piattaforma delle meraviglie

Si parla tanto di alternanza scuola lavoro. Pareri favorevoli, pareri contrari. Una mano alle istituzioni scolastiche e alle aziende, preposte ad ospitare gli alunni e le alunne sembra tenderla il famigerato MIUR, con una piattaforma on line al servizio di tutti gli attori dell’alternanza