Vaccino Covid 19. La dose in più che fa la differenza

Fedele e coerente con gli impegni di aggiornamento e informazione continui, precisi e puntuali che si è presa nei confronti della campagna vaccinale per far fronte alla pandemia COVID.19, la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) condivide e rilancia il messaggio espresso oggi dall’Agenzia Italiana per il Farmaco (AIFA) in merito al vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 che asserisce : “Ferma restando la necessità di garantire la somministrazione del corretto quantitativo di 0.3 ml a ciascun soggetto vaccinato attraverso l’utilizzo di siringhe adeguate, è possibile disporre di almeno 1 dose aggiuntiva rispetto alle 5 dosi dichiarate nel Riassunto delle caratteristiche del prodotto”.

In pratica – ricorda SIFO a tutti gli operatori – la dose di COMIRNATY che deve essere somministrata a ciascuna persona è di 0,3 ml. Questa dose deve essere estratta in condizioni asettiche e utilizzando siringhe di precisione adeguate, da un flaconcino di vaccino che contiene 2,25 ml, dopo la diluizione prevista con soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%. Questo significa quindi che ogni fiala di vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 può essere utilizzata per vaccinare con pieno successo e in assoluta sicurezza 6 soggetti, a conferma dei calcoli e delle simulazioni che SIFO aveva già realizzato un mese fa.

Gli aspetti professionali, sanitari, organizzativi ed etici di questa sottolineatura – precisa SIFO – sono di primaria importanza, visto che in questo modo con mille fiale potranno essere trattate 6000 persone (invece che 5000), rendendo più vasta e capillare fin da subito la copertura vaccinale e realizzando anche un’economia di scala non indifferente: ogni centro abilitato alla vaccinazione dei cittadini italiani deve esserne consapevole ed agire di conseguenza.

 

 

Immagine: Roma, 27 dicembre 2020. La prima vaccinazione italiana anti Covdi 19, presso l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani 

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.