Disability Pride. Una FIABA del terzo millennio

Torna in presenza nel 2021 il Disability Pride Italia nei giorni 1, 2 e 3 ottobre a Roma con tre giornate di approfondimenti, conferenze, dibattiti, cineforum e tanto altro, con importanti relatori e illustri ospiti.

Una manifestazione nazionale organizzata con il contributo dei Partner che compongono il Disability Pride Network (DPN), una rete nazionale e internazionale costituita di  diverse realtà, oltre che di tanti simpatizzanti e sostenitori, di tante persone con disabilità e persone non disabili, che condividono gli stessi valori e obiettivi, al fine di promuovere ed affermare un nuovo modo di vivere, pensare e valorizzare la disabilità. 

Intersezionalità è un termine coniato dalla Prof.ssa Kimberlé Crenshaw della Columbia Law School, nativa dell’Ohio, che lotta da 30 anni per i diritti civili. Un concetto socio-giuridico che indica come le più diverse categorie, biologiche, sociali e culturali, quali il genere, l’etnia, il sesso, l’orientamento sessuale, la casta, la religione, siano sovrapposte e interagiscano a diversi livelli.

L’intersezionalità evidenzia come suddette categorie si possano trasformare in barriere, attraverso la mano e la mente pregiudizievole dell’uomo, creando sistemi di discriminazione e  di isolamento.

Tuttavia, per forza uguale ma contraria, l’intersezionalità può essere interpretata come un fenomeno socio-giuridico e culturale che attraversa ogni aspetto e forma della società, includendo tutte le diverse realtà, ognuna con il proprio codice ‘genetico’, creando così una società inclusiva (in fondo, un ossimoro).

Non è dunque senza un profondo significato che è stato individuato come termine-guida ‘Intersezionalità’ per il Disability Pride Italia 2021, manifestazione a livello nazionale, che coinvolge ogni settore di una società inclusiva, aperta, viva e solidale che si svolgerà a Roma dal 1 al 2 ottobre, presso la Città dell’Altra Economia, mentre la terza giornata (3 ottobre) sarà dedicata alla sfilata festosamente seria che partirà alle ore 17.00 da Piazza Colonna e che proseguirà fino a Piazza del Popolo.

Quest’anno il giorno della parata coincide con la  Giornata Nazionale FIABADAY per l’abbattimento delle barriere architettoniche che allestisce l’evento dedicato FIABADAY e che si tiene a Roma ogni prima domenica di ottobre.

Alla parata parteciperanno attori di strada per regalare ai manifestanti, sorrisi e pensieri spettinati. Un corteo all’insegna dell’allegria, della musica e dell’incontro.

Alle ore 13:00 il portavoce del Disability Pride Network, Carmelo Comisi, annuncerà il tradizionale corteo all’insegna dell’allegria, della musica e dell’incontro del Disability Pride Italia 2021 che partirà alle ore 17:00 da piazza Colonna per arrivare a piazza del Popolo.

Lo spazio dedicato all’evento all’interno della Città dell’Altra Economia, è articolato in due sezioni: conferenze e proiezioni film, e un’area all’aperto, un autentico social Village, dove i visitatori avranno l’opportunità di entrare in contatto con un vasto ventaglio di variopinti gazebo di associazioni e organizzazioni non profit, dove la parola ‘diversità’ indica ricchezza, crescita, progettualità condivisa sulle più diverse tematiche: disabilità, sport, diritti LGBT, pari opportunità, migrazione… .

Tutti gli eventi si potranno seguire in diretta streaming sulla pagina Facebook del DISABILITY PRIDE NETWORK e sul canale YouTube del DISABILITY PRIDE ITALIA, per dare la possibilità a tutte e tutti di partecipare e di esserci.

Importante sottolineare che grazie ai partner @FIAS (Federazione Italiana Associazioni Sordi), @Happy Free Hands e @PerVoice (società controllata da Almawave – Gruppo AlmavivA) conferenze e talkshow, sia in presenza che in streaming, saranno accessibili con interpreti LIS e sottotitolazione in diretta.

Programma generale_Disability Pride 2021

Storia del Disability Pride in pillole

 Disability Pride Italia nasce nel 2015 da un’idea di Carmelo Comisi e dal contributo volontario di moltissimi amici.

I primi passi sono stati mossi nella provincia di Ragusa e da lì, come evento itinerante, si è tenuto a Palermo e Napoli prima di approdare definitivamente a Roma, dove si è affermato come appuntamento fuori dalle righe per rivendicare l’effettiva inclusione di tutte le persone con disabilità.

NEL 2018 si è svolto in contemporanea con le analoghe manifestazioni che si sono realizzate a New York (USA) e Brighton (UK).

Nel 2019  fu scelto come tema del corteo l’inclusione che si può raggiungere solo attraverso il dissolvimento delle barriere culturali, architettoniche e sensoriali e con la promozione quindi del modello di città sostenibili e accessibili per tutti.

Meta del corteo, Piazza del Popolo, dove si svolse la manifestazione-spettacolo gratuito,  Inclusivo Presenteinterpretato in L.I.S. e  con la partecipazione di diversi artisti, tra cui, Marinella Nava, Grazia Di Michele, Federico Perrotta.

Nel 2020, causa pandemia, il Disabily Pride si è svolto in streming con il supporto della Rai. La manifestazione e i suggestivi interventi, sono visibili su Rayplay.

L’antropologo Claude Lévi-Strauss divideva le società in calde e fredde. Le società calde sono società dinamiche, in quanto in grado di accogliere in modo dinamico gli eventi umani e il cambiamento; le società fredde rimangano bloccate e statiche di fronte allo scorrere degli eventi.

Disability Newtork mira alla costruzione di una società calda, alla cui realizzazione può (e osiamo dire, deve) partecipare ognuno di noi.

Contatti stampa:

Carmelo Comisi +39 388 654 9585

comisicarmelo@gmail.com

Tra i media partner dell’evento: abbanews.eu.

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.