Taggato: Giappone

0

Fukushima. Una storia nucleare

In occasione del 10° anniversario del terremoto e susseguente tsunami dell’11 marzo 2011 e che provocò il grave incidente nucleare alla centrale nucleare di Fukushima (Giappone), torna sul piccolo schermo il documentario ‘Fukushima. A Nuclear Story’, dove Pio D’Emilia, il primo giornalista straniero a entrare nella zona proibita ricostruisce la storia della centrale

0

Donne di conforto. La sentenza di Seul

Il tribunale distrettuale di Seul ha stabilito che il governo giapponese dovrà risarcire 12 donne coreane che prima e durante la Seconda guerra mondiale sono state ridotte a schiave sessuali dall’esercito giapponese. La sentenza pronunciata l’8 gennaio 2021 è il traguardo di una controversia giudiziaria che si protrae da 30 anni

0

Genji monogatari. Il primo romanzo psicologico del mondo

Genji monogatari, romanzo dell’XI secolo composto dalla poetessa e scrittrice giapponese Murasaki Shikibu, oltre a essere considerato un classico della letteratura universale è, per molti, il primo esempio di romanzo psicologico al mondo. Introdotti in Occidente da poco più di un secolo è stato tradotto interamente dal giapponese antico all’italiano soltanto nel 2012 da Maria Teresa Orsi

0

Mariko Hayashi. La scrittrice da Guinness dei primati

In un mondo in cui nei media l’immagine sembra prevalere sulla parola, distacca la notizia della scrittrice giapponese Mariko Hayashi entrata a far parte del Guinness World Records, come l’autrice più longeva nel redigere la stessa rubrica per lo stesso giornale. Una collaborazione di 37 anni e che continua per la scrittrice che ha contribuito a coniare la definizione della nuova era imperiale giapponese

0

I saluti sicuri della nuova normalità

Il distanziamento sociale ci accompagnerà per molto tempo. Come ci saluteremo nell’incontrarci? Bandita la stretta di mano, che andava diffondendosi in tutto il mondo, l’OMS consiglia i modi asiatici che evitano il contatto fisico, dal wai thailandese, passando per il più famoso namasté indiano fino all’inchino giapponese che, attenzione, è più complicato di quel che sembra