La macchina elettrica che si autoricarica

Supera l’annoso problema di cercare  la colonnina e di trovare il tempo (lungo) richiesto per la ricarica, la macchina elettrica con la nuova tecnologia la casa automobilista giapponese Nissan.

Si tratta del modello Nissan Qashqai e-POWER, un ibrido altamente innovativo che va ad elettrico.

L’energia di cui ha bisogno è generata da un motore turbo benzina 3 cilindri da 1,5 litri e 158 cavalli di potenza di cui è dotata, atto esclusivamente alla ricarica della batteria.

L’energia prodotta dal motore a combustione interna  viene inviata all’inventer e, quindi, trasmessa alla batteria grazie alla tecnologia con rapporto di compressione variabile, comandato da una centralina di controllo, a sua volta governata dall’acceleratore sotto il piede del pilota.

Il motore a combustione funziona, soltanto come generatore di corrente ed è solo il motore elettrico ad essere collegato alle ruote. La macchina, quindi, viaggia sempre grazie alla corrente e non a benzina, e le sue prestazioni sono uguali a quella di un’auto a batteria. Batteria che, secondo le dichiarazioni della Nissan ha un’autonomia di un migliaio di chilometri nel ciclo WLTP• (Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure).

Per il conducente la nuova tecnica non comporta variazioni nella guida: sceglierà come ottimizzare al meglio il consumo di benzina.

 

  • nota: WLTP: sigle per Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure (Procedura di prova per veicoli leggeri armonizzata a livello mondiale) si intende la specifica ‘procedura di prova per veicoli leggeri armonizzata a livello mondiale’ applicata per determinare i livelli inquinanti ed emissioni di CO2. In UE, dal 2017 tutti i costruttori automobilistici devono omologare le nuove autovetture seguendo tale protocollo.

Immagine tratta dalla pagine Facebook – Nissan

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.