Mi chiamo Licypriya Kangujam. E sono un’attivista climatica

Licypriya Kangujam, classe 2011, come iniziatrice del movimento ambientale dei bambini indiani per il clima, nel 2019 ha ricevuto 3 premi: il Dr. APJ Abdul Kalam Children Award, il World Children Peace Prize e un l’India Peace Prize. Inoltre detiene il primato della più giovane oratrice  intervenuta all’ultima conferenza Onu sul clima, Cop 25.

Attivissima in India, Licypriya nel settembre scorso ha visitato l’Angola, sotto l’invito del Governo del Paese, dell’Unesco e dell’Unione Africana, e con 50mila bambini e giovani nella città di Luanda ha avviato lo sciopero del clima.

Eppure il suo nome sta conquistando notorietà non tanto per le sue iniziative (pregevoli considerando anche la giovane età) ma per la lettera aperta che ha inviato ai media del mondo per chiedere di essere chiamata con il suo nome e non ‘la Greta dell’India’, come accade, perché questa definizione rischia di annullare tutto gli sforzi fatti e in atto.

Attenzione non si tratta di una storia di rivalità o rivendicazione,  piuttosto di uno sforzo ulteriore per dare maggiore vigore all’impegno e all’azione a favore del clima, diventato lo scopo principale di queste giovani vite. L’appello, infatti, è stato condiviso e rilanciato dalla stessa Greta Thunberg attraverso la sua pagina Facebook.

Scrive Lincypriya:
Cari media,
Smettetela di chiamarmi la ” Greta dell’India “. Non porto avanti il mio attivismo per sembrare lei.  Greta è certamente una delle nostre ispirazioni, grande influencer e abbiamo un obiettivo comune, ma ho la mia identità, la mia storia. Ho iniziato il mio movimento dal luglio 2018 ancor prima ancora di Greta.

Ho alzato la voce verso i leader mondiali in Mongolia in un evento ONU, il 4 luglio 2018. Da allora ho avviato il movimento chiamato ” Movimento infantile ” con il quale richiamare i nostri leader mondiali ad agire immediatamente sul clima.

Ma i media mi hanno notato soltanto quando ho passato una settimana davanti alla Camera del Parlamento dell’India il 21 luglio 2019.  Ma ho iniziato a protestare da febbraio, quando ho persino lasciato la scuola (prima dell’esame finale di grado 1) all’età di 7 anni a causa delle mie proteste ogni settimana davanti alla Camera del Parlamento dell’India.

Ho sacrificato così tanto della mia vita in questa tenera età perché mi si chiami “Greta d’India”.
Se mi chiami “Greta d’India”, non stai parlando della mia storia. Stai eliminando una storia.
Io sono “Licypriya dell’India”.

L’attività di Licypriya di ci rimanda allo scorso settembre, quando riportammo l’appello – denuncia firmato da 16, fra bambini e adolescenti, di 12 Paesi e presentato al Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia: diritti violati, sostiene l’appello se gli adulti non riusciranno a mantenere nella Terra un habitat possibile per la specie umana.

 

Fotografie dell’alto: 1) Licypriya Kangujam mentre riceve un premio per il suo impegno a favore del clima; 2) Licypriya Kangujam in compagnia di Greta Thunberg

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.