Il cinema: un ponte multicolore

Primavera, tempo di fioriture, e così, nascono festival di ogni genere. E il cinema è sempre un’apripista che fa conoscere culture diversissime tra loro, propone incontri con autori nuovi, porta a vedere il mondo a 360°.

Quando vediamo che i confini quasi spariscono, che i baluardi delle diversità non sono più problemi che non ci riguardano ma che vivono al nostro fianco, ecco che i ruoli si invertono e si capovolgono in ogni momento. Questi ribaltoni oggi li potremo vedere il 29° Festival del Cinema Africano-Asia-America Latina che partirà il 23 marzo e terminerà il 31, in programmazione all’Auditorium San Fedele a Milano.

Saranno 9 giorni di proiezioni, incontri culturali, eventi speciali e multidisciplinari che offriranno una visione di tre continenti così lontani ma oramai così vicini a noi. Vedremo in sintesi tutto ciò che il programma MiWorldRoundVision riuscirà a portare a casa nostra, vita, problemi, drammi e spazi di felicità interpretati da registi e attori che vogliono dirci la loro verità su quelle loro terre. In questa edizione lo spazio maggiore verrà riservato alle nuove generazioni perché è inserito nel programma il 1° Festival Young Film.

Le proiezioni saranno 13 e vi assisteranno 2500 studenti e 250 docenti, una platea che valuterà poi tutta la rassegna. Tre saranno le giurie, 4 i premi e completeranno il tutto corsi formazione, un seminario internazionale e visioni delle pellicole verranno proposte in matinée alle scuole.

Ci sarà tanto da vedere e godere, sarà come costruire una nuova conoscenza che ci potrà far scoprire quello che ancora non sappiamo dei tre continenti e che potrà così passare il messaggio di una profonda nuova cultura. Saranno incontri che porteranno a nuove esperienze e forse a una nuova forma d’arte cinematografica meritevole di essere messa a confronto. Pensieri e azioni trasferiti in immagini che daranno spazio a riflessioni arricchite dalla voglia di scoprire che cosa c’è al di là del nostro..naso.

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.