Clima. Il mondo si unisce per guarire il pianeta dalla plastica

La risoluzione presa dall’UNEP (Assemblea del Programma delle Nazioni Unite per l’ambite) per farla finita con l’inquinamento della plastica è stata definita “la più importante sull’ambiente” dopo gli ormai famosi Accordi di Parigi del 2015.

Non è retorica, dunque, definire storico questo accordo siglato a Nairobi (Kenya) il 2 marzo 2022 da 175 Stati riuniti per la 5° sessione dell’Assemblea dell’ambiente delle Nazioni Uniti (UNEA 5.2).

“L’inquinamento da plastica è diventato un’epidemia. Con la risoluzione di oggi siamo ufficialmente sulla buona strada per una cura” ha commentato Espen Barth Eide, ministro per il Clima della Norvegia e attuale presidente dell’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente.

La risoluzione – che  terrà conto dell’intero ciclo di vita della plastica, dalla progettazione allo smaltimento – istituisce un Comitato intergovernativo di negoziazione (INC) che inizierà a lavorare nell’anno in corso, per completare la prima bozza d’accordo, giuridicamente vincolante entro la fine del 2024, che ingloberà la progettazione di prodotti e materiali riutilizzabili e riciclabili,  la necessità di una maggiore collaborazione internazionale per facilitare l’accesso alla tecnologia e il rafforzamento delle capacità e la cooperazione scientifica e tecnica.

Il Comitato affronterà anche la necessità di migliorare la collaborazione internazionale per facilitare l’accesso alla tecnologia, che consentirà la realizzazione del piano rivoluzionario.

Parallelamente ai negoziati su un accordo internazionale vincolante, l’Unep lavorerà con qualsiasi governo e impresa disposti lungo la catena del valore per allontanarsi dalla plastica monouso, nonché per mobilitare finanziamenti privati ​​e rimuovere gli ostacoli agli investimenti nella ricerca e in un nuovo economia circolare.

Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) ha dichiarato che convocherà un forum entro la fine dell’anno, insieme alla prima sessione del Comitato intergovernativo, per condividere le conoscenze e le migliori pratiche in diverse parti del mondo.

Il documento redatto dal Comitato si baserà su una discussione aperta e scientificamente informata e il Comitato riferirà sui progressi compiuti nei prossimi due anni.

Infine, una volta concluso il lavoro, l’agenzia delle Nazioni Unite convocherà una conferenza diplomatica per adottare i suoi risultati e aprire lo strumento internazionale alla firma.

Dal documento si apprende che la produzione di plastica è aumentata da 2 milioni di tonnellate nel 1950 a 348 milioni di tonnellate nel 2017, diventando un’industria globale del valore di 522,6 miliardi di dollari e si prevede che raddoppierà la sua capacità entro il 2040.

Circa 11 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica confluiscono ogni anno negli oceani. L’esposizione alla plastica può danneggiare la salute umana, incidendo potenzialmente sulla fertilità, sull’attività ormonale, metabolica e neurologica e la combustione all’aperto della plastica contribuisce all’inquinamento atmosferico.

Entro il 2050 le emissioni di gas serra associate alla produzione, all’uso e allo smaltimento della plastica rappresenterebbero il 15 per cento delle emissioni consentite, con l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C (34,7°F). Più di 800 specie marine e costiere sono interessate da questo inquinamento per ingestione, intrappolamento e altri pericoli.

Secondo Unep, invece, il passaggio a un’economia circolare può ridurre il volume di plastica che entra negli oceani di oltre l’80 per cento entro il 2040; ridurre del 55 per cento la produzione di plastica vergine; risparmiare ai governi 70 miliardi di dollari entro il 2040; ridurre del 25 per cento le emissioni di gas serra; e creare 700.000 posti di lavoro aggiuntivi, principalmente nel sud del mondo.

“La risoluzione è particolarmente importante per continenti come quello africano – sottolinea una nota dell’Onu – dove lo smaltimento della plastica è estremamente difficoltoso, a causa dell’assenza di infrastrutture adeguate e della mancanza di una cultura di gestione dei rifiuti”.

 

Immagine: 2) Nairobi (Kenya) un lavoratore mentre smista la plastica per il riciclaggio. Photo by UNEP

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.