Diritti degli alberi e doveri dell’uomo

Per attenuare l’impatto e le conseguenze  dei cambiamenti climatici gli alberi e le zone verdi svolgono un ruolo fondamentale, soprattutto nelle città, dove assumono un’importanza strategica per le molteplici funzioni benefiche.

Nelle aree urbane, inoltre sono proprio gli alberi e le zone verdi a garantire la biodiversità, svolgendo funzioni vitali: controbilanciano l’effetto serra grazie al processo della fotosintesi clorofilliana che produce ossigeno e, com’è stato riconosciuto dal Protocollo di Kyoto, assorbe i gas serra, sottraendoli all’atmosfera; filtrano le polveri sottili e gli altri agenti inquinati; contribuiscono al contenimento delle temperature durante l’estate e alla riduzione delll’inquinamento acustico, essendo fonoassorbenti.

Gli alberi nelle città sono essenziali, però hanno bisogno di cure. A Roma, la città più verde d’Europa con i suoi 41mila ettari tra parchi naturali, ville e giardini, ogni volta che soffia forte il vento, gli alberi cadono con facilità e, spesso, non per tragica fatalità ma per abbandono.

Per questo ci sembra utile riportare la Carta di Barcellona che, redatta nel giugno del 1995 nella città spagnola, ha stabilito i diritti dell’albero nella città. Una dichiarazione e una guida, utile per l’applicazione delle buone pratiche per il mantenimento del verde nelle aree urbane.

Carta di Barcellona

È riconosciuto che:
la città necessita dell’albero come elemento essenziale per garantire la vita;
– l’albero deve potersi sviluppare in tutte le sue potenzialità, disponendo dello spazio e delle condizioni necessarie. Il patrimonio arboreo va inteso come sistema, e come tale va valorizzato, pianificato e gestito;
– l’albero contribuisce alla cultura del luogo e al miglioramento delle condizioni di vita nelle aree urbane, entrambi fattori determinanti della qualità della vita in città.

Ci impegniamo
come cittadini, come professionisti che sviluppano la propria attività intorno a struttura, forma e dinamiche della città, e come professionisti dell’albero, in persona o per conto degli enti che rappresentiamo:
– a porre l’albero al livello principale, come una delle principali risorse patrimoniali della città;
– a sviluppare e promuovere iniziative informative e gestionali che facilitino l’impianto dell’albero in condizioni di qualità e dignità;
– a stabilire politiche, regolamentazioni, normative e pratiche che garantiscano le condizioni ottimali per la vita dell’albero;
– a riconsiderare tutti gli elementi che conformano attualmente lo spazio urbano, pensare per il futuro riguardo alla loro concezione, pianificazione, produzione, gestione, uso e riutilizzo nell’ottica delle necessità e delle potenzialità del patrimonio arboreo.
In questo senso tutte le norme di tutela precedentemente menzionate s’incorporano nelle normative municipali.

Pertanto:
la municipalità incorporerà tutte le considerazioni sul rispetto per l’Albero nelle sue ordinanze, norme, disposizioni e accordi municipali.

Barcellona, 2 giugno 1995

 

Immagine: ‘The Appian way’ di Edward Bruce, 1929 c.a – Cleveland Museum of Art

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.