L’arte solidale. Artolution in Bangladesh per i Rohingya

Cox’s Bazar (Bangladesh) – Nuova impresa di Artolution nei campi profughi dei Rohingya in Bangladesh.
L’organizzazione internazionale di arte pubblica a favore delle persone e comunità svantaggiate ha organizzato un programma al collage di Ukhiya. Ne parla ad abbanews. eu il giornalista fotoreporter  Suza Uddin.

“Un gruppo di artisti Rohingya insieme alla partecipazione di 100 studenti del college – ci racconta Uddin – ha partecipato al workshop di 5 giorni, dedicati a iniziative di arte pubblica in cui ognuno ha espresso  le proprie idee e dipinto un murale composto da diverse immagini che vertono sulla cultura, la tradizione e la storia”.  L’idea di disegnare il murale è stata dei partecipanti, mentre il workshop è stato ideato e condotto da Max Levi Frider, co-fondatore di Artolution.

Ma quando parliamo di murale, non dobbiamo pensare a una parete bensì a un autobus, diventato un’opera d’arte mobile.  Si tratta di 1 dei 5 pullman che l’UNHCR (l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati) ha donato agli studenti delle università locali di Ukhiya e Cox’s Bazar City, in riconoscenza del sostegno che la comunità locale ha offerto e offre all’afflusso di quasi un milione di Rohingya in fuga dal Myanmar dal 2017.  Un supporto per gli studenti del Bangladesh locali, costretti a percorrere lunghe distanze per raggiungere i college; un servizio, dunque, per trasporti più sicuri e per ridurre i tempi del pendolarismo che potrebbe essere una delle cause dell’abbandono degli studi.

La donazione degli autobus è uno dei progetti (40 già avviati nel 2018), del programma Quick Impact Projects (QIPS) che l’UNHCR ha elaborato per rispondere alle esigenze degli abitanti locali nelle aree di accoglienza degli rifugiati, le prime a fornire assistenza ai Rohingya in fuga dalle violenze dei militari del Myanmar, salvando loro la vita.  Oggi, a distanza di 2 anni, il Bangladesh, nonostante sia uno dei Paesi più poveri del mondo,  con l’aiuto delle agenzie umanitarie, segue fornendo loro il supporto fondamentale per la sopravvivenza.

 

Fotografie per gentile concessione di S M Suza Uddin. Dall’alto verso il basso: 1) da sinistra S M Suza Uddin e Max Levi Frider, co – fodatore di Artolution; 2 – 4) autobus Artolution; 5) inaugurazione buses UNHCR in Bangladesh, tratta dalla pagina Facebook dell’Organizzazione

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.