Onore a Dario Scherillo, ucciso per errore in terra di camorra

Il film Ed è subito sera è tratto dalla storia vera di Dario Scherillo, ucciso a 26 anni il 6 dicembre 2004, nel pieno della prima faida di camorra che insanguinò l’area nord di Napoli e provocò decine di vittime, tra cui tanti innocenti. Dario è una di queste ultime, ucciso in sella al suo scooter perché scambiato erroneamente per un affiliato a un clan rivale di quello al quale appartenevano i killer.

Il film racconta la storia di 3 famiglie i cui destini s’incrociano in quel terribile giorno di dicembre: la famiglia di Dario, onesta dedita a un lavoro normale e completamente estranea alla mafia locale, quella del magistrato Di Martino che vuole sradicare la camorra dal territorio e porre fine alla faida e quella di Muccuso, un boss in ascesa.  La tragica straordinarietà che diventa ordinaria quotidianità nelle terre di mafia.

Nato per ricordare tutte le vittime innocenti della criminalità e, al tempo stesso, per dare voce alle tante persone che si adoperano quotidianamente e senza clamori alla diffusione della cultura della legalità  Ed è subito sera è stato presentato al Los Angeles Italia Film Festival che si è svolto nel TCL Chinese Theatres dal 17 al 23 febbraio 2019.

Progetto della casa di produzione, dalla PDR Produzioni srl, il film ha ottenuto il sostegno dell’Associazione Dario Scherillo, dal Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità, dalla Fondazione Pol.i.s e da LegalmenteItalia.

Per la regia di Claudio Insegno, figurano nel cast, tra gli altri,  Franco Nero, Gianluca Di Gennaro nella parte di Dario e il giornalista Sandro Ruotolo nel ruolo di se stesso.  La colonna sonora L’ultima Luna è stata composta da Gigi Finizio.

Il 21 marzo 2019, in occasione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafieEd è subito sera, uscirà nelle sale cinematografiche italiane.

 

Fotografie: in alto Dario Scherillo; in basso locandina del film ‘Ed è subito sera’

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.