Come scusa? Non ti followo

Come scusa? Non ti followo, questa curiosa espressione – che farà sorridere i frequentatori dei social media, i quali, fosse altro per intuizione, ne comprenderanno al volo il significato –  risulterà, probabilmente, incomprensibile per molti.

La traduzione è non ti seguo o non ti capisco. Followo dall’inglese to follow (da seguire), deve la sua fortuna e conoscenza al derivante termine follower impiegato del social Twitter prima e ora Instagram per indicare la persona che segue un altro utente del social, corrispondente come funzione al mi piace di Facebook.

Qui, coniugato all’italiana con la o finale, diventa un verbo gergale con significato doppiamente traslato con scherzosa ironia, nel sottotitolo del testo L’italiano e i giovani, edito dall’Accademia della Crusca e goWere  in formato digitale e che gli interessati potranno scaricare gratuitamente dalle maggiori piattaforme librarie fino al 23 ottobre 2022.

Il testo curato da Annalisa Nesi è stato redatto e pubblicato in occasione della XXII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo (in sigla SLIM –  dal 17 al 23 ottobre 2022) che è appunto dedicata al rapporto tra la nostra lingua e i giovani.

Comprende una raccolta di saggi di linguisti noti e di giovani studiosi che affrontano, analizzano e raccontano, attraverso diverse prospettive, sia il linguaggio giovanile, sia la lingua per i giovani in modo da fornire un quadro generale degli usi linguistici utile anche come fonte di ispirazione e strumento per l’insegnamento dell’italiano. E lo immaginiamo interessante per tutti coloro che seguono i mutamenti del linguaggio e del costume.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.