Categoria: Ricerca

0

Pewec 2.0. Onda su onda, l’energia pulita arriva dal mare

Un dispositivo che produce energia pulita sfruttando il movimento delle onde. Si tratta di Pewec, progetto italiano del Politecnico di Torino e dell’Enea, convertitore di onde marine in energia elettrica, studiato appositamente per le caratteristiche delle onde del Mediterraneo di piccola altezza e alta frequenza

0

La relazione tra la fibrillazione atriale e l’ictus

Il presidente del CONI Giovanni Malagò ha raccontato di essere stato a rischio ictus e di averlo scoperto in occasione di un semplice intervento agli occhi, quando i medici gli hanno diagnosticato la fibrillazione atriale (FA) che è causa di circa il 20% degli ictus ischemici. ll prof. Danilo Toni spiega la relazione tra le 2 patologie mentre Andrea Vianello, presidente di A.L.I.Ce ricorda l’importanza della prevenzione

0

Non è mai troppo tardi per smettere di fumare

Smettere di fumare anche dopo la diagnosi di un cancro ai polmoni allunga del 29% la vita rispetto ai pazienti che continua a fumare. Lo asserisce un mega studio che ha analizzato i dati di 10mila pazienti riportati su 21 pubblicazioni. Pur non sottovalutando l’incidenza delle sostanze tossiche dell’inquinamento atmosferico, il tabacco continua ad essere la causa di 9 tumori su 10

0

Warsaw Mummy Project. La mummia incinta e la sopravvivenza del feto

Continuano le indagini su ‘The Mysterious Lady’, la prima e unica mummia incinta rinvenuta dal team scientifico polacco, impegnato nel progetto Warsaw Mummy Project. La sopravvivenza del feto fino ai nostri giorni si deve all’ambiente acido creatosi nel corpo della donna dopo la sua morte e alla successiva imbalsamazione

0

Il primo trapianto di cuore da un maiale a un uomo riuscito

Per la prima volta è stato effettuato con successo il trapianto di cuore geneticamente modificato di un maiale sull’uomo. Intervento sperimentale e compassionevole effettuato negli Stati Uniti, non si conoscono gli effetti a lungo termine, ma l’attuale sopravvivenza del ricevente fa ben sperare per risolvere, nel prossimo futuro, la carenza di donatori rispetto alla lunga lista d’attesa dei potenziali riceventi

0

Lo stress. Fattore chiave per molti disturbi neuropsichiatrici

Il recente studio Sinapsi stressata 2.0: meccanismi fisiopatologici correlati allo stress nei disturbi neuropsichiatrici, realizzato da Maurizio Popoli, docente del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università Statale di Milano, Gerard Sanacora della Yale University e Zhen Yan della New York University (Buffalo) e recentemente pubblicato sulla rivista Nature Reviews Neuroscience, evidenzia come lo stress sia un fattore di rischio primario per molti disturbi neuropsichiatrici, quindi sia di natura neurologica che psichiatrica