Categoria: Ricerca

0

Il primo esoscheletro modulare per bambini

Autorizzato per gli ospedali e i centri di riabilitazione dell’Unione Europea e del Messico l’esoscheletro modulare e compatibile per bambini. Primo dispositivo per i piccoli pazienti con severi problemi di deambulazione, dotato di una avanzatissima tecnologia che li rende autonomi per molte attività, agendo positivamente anche a livello psicologico

0

Brexit? Per i cittadini europei una ferita che non si rimargina

Insicuri e sospettosi, perché traditi. Così si sentino i cittadini europei di 22 paesi – che da tempo vivono stabilmente nel Regno Unito – a sei anni dal referendum del 2016 che decretò la Brexit. Lungi dal metabolizzarla è tuttora “una ferita aperta”, come risulta dall’ indagine condotta dall’Università di Birmingham. Sfiducia verso le autorità britanniche, riaccesa l’affezione per il Paese d’origine e per l’UE

0

Epilessia. Le crisi in età neonatale

Da 1 a 5 neonati ogni 1000 soffrono di Crisi. Il rischio è di 10 volte superiore nei nati pretermine soprattutto se prima della trentesima settimana. Possibile diagnosi errata nel 50% dei casi. Per questo gli esperti ritengono fondamentale l’uniformità diagnostica e operativa per distinguere tra convulsioni neonatali ed epilessia neonatale e nasce il primo Registro Nazionale delle Crisi Neonatali

0

Antonio D’Amore: attrattore di cervelli

Capacità di innovazione che va oltre l’innovazione “meramente” tecnologica e scientifica, poiché parte dalla capacità di visione. Intervista ad Antonio D’Amore, Group Leader del laboratorio di Ingegneria dei Tessuti, Assistant Professor presso l’Università di Pittsburgh, ideatore di 14 brevetti, vincitore del premio del Consiglio europeo per la ricerca, tra le altre cose…

0

Le biocostruzioni del Mar Mediterraneo

Secondo i biologi marini in Italia si trovano le 2 biocostruzioni più estese del Mediterraneo. Si trovano nel litorale romano e in quello barese. Se non hanno i colori delle famose estese dell’Oceano hanno lo stesso valore ecologico, per la loro capacità di ospitare la fauna sono degli scrigni di biodiversità e contrastano il fenomeno dell’erosione