Categoria: Ricerca

0

Reattore sperimentale Jet. Una stella in miniatura per cinque secondi

Il reattore sperimentale europeo Jet (Joint European Torus) ha generato energia pari a 59 mejajoule a intervalli di 5 secondi, l’equivalente di 11 megawatt, il doppio di quella ottenuta 25 anni fa, nel 1997, dalla stessa macchina e con analogo esperimento. “Abbiamo dimostrato che possiamo creare una stella in miniatura all’interno dei nostri macchinari e mantenerla lì” esultano gli scienziati aggiungendo che l’esperimento convalida il grande progetto ITER

0

Le isole di plastica galleggianti. Nuovi habitat inquinati ma vitali

C’è vita nelle isole di plastica galleggianti nei nostri mari. Tra le tante conseguenze nefaste dei rifiuti marini di plastica e della loro aggregazione in zattere, c’è una imprevista, finora trascurata ma “gravissima”, ossia la loro trasformazione in immensi habitat per le specie costiere. Dove le conoscenze biologiche ritenevano che tali specie come molluschi, crostacei o anemoni, non potessero né arrivarci né sopravvivere vi stanno, invece, proliferando e formando nuove colonie

0

Depressione post ictus. Come prevenirla, identificarla e trattarla

La frequenza di depressione post-ictus (PSD9 è maggiore nel primo anno, raggiungendo valori fino al 55% dei pazienti. Nonostante la correlazione tra la malattia e la lesione sia ancora in fase di dibattito è certo che lo stato dell’umore, oltre a influire sul recupero motorio, comporta il rischio di un successivo evento cardio-cerebrovascolare. L’esperto spiega come individuarla in tempo e come trattarla

0

Autismo. Progetto di ricerca sull’efficacia della stimolazione transcranica

Parte il nuovo progetto di ricerca per valutare l’efficacia dell’utilizzo della stimolazione transcranica a corrente diretta (tDCS) applicata all’interno del setting terapeutico cognitivo-comportamentale classico condotto dal Centro autistico di Tor Vergata che annuncia anche la ripresa del programma DISTRAXATI per i genitori di bambini con disturbi del neurosviluppo

0

I decessi per inquinamento evitati durante i lockdown europei

Uno studio eseguito da Copernicus e dalla London School of Hygiene and Tropical Medicine (LSHTM), esaminando la correlazione tra le diverse misure governative adottate nel lockdown 2020 e la conseguente diminuzione di gas serra in 47 città europee e il tasso di mortalità associata. Da febbraio a luglio biossido di azoto dimezzato, 800 vite salvate. Ma come raggiungere gli stessi effetti in tempi normali?