Categoria: Ricerca

0

Contro la malaria. Le promesse dell’ingegneria genetica

Nei Paesi endemici la malaria rappresenta la malattia trasmessa da vettore zanzara più diffusa al mondo, nei Paesi non endemici è la malattia d’importazione più importante. Una speranza per eradicarla proviene dall’ingegneria genetica tramite la biotecnologia ‘gene drive’, che potrebbe ridurre nell’ambiente il numero di zanzare responsabili della trasmissione della malattia

0

Il cattivo sapore delle brutte azioni

“Di fronte a un’azione eticamente scorretta il nostro cervello inibisce i neuroni che controllano il movimento della lingua, proprio come accade quando entriamo in contatto con un cattivo sapore” conferma uno studio, dimostrando “evidenze neurofisiologiche che hanno implicazioni tra teorie sentimentaliste e razionaliste della morale”. E vince il Best Paper Prize 2021

0

eVAX. Il nuovo vaccino italiano

Sono stati pubblicati i dati preclinici del vaccino eVax, che si mostra efficace nella prevenzione del contagio da COVID-19, varianti incluse. Risultato della ricerca italiana il vaccino si caratterizza per la sua tecnologia innovativa che potrebbe rivelarsi utile, oltre contro il coronavirus, anche per altre indicazioni terapeutiche altrettanto severe

0

Hua Zhibing. Matricola universitaria nata dall’Intelligenza artificiale

Dal 3 giugno 2021, Hua Zhibing è una matricola universitaria e a comunicarlo al mondo è stato Weibo, piattaforma cinese di microblogging, molto simile a Twitter. Perché parlare di un un fatto così comune e ordinario? Perché Hua Zhibing è la prima studentessa virtuale – creata dall’Accademia di Pechino per l’Intelligenza Artificiale -che studierà presso il Dipartimento d’Informatica e Tecnologia dell’Università di Tsinghua

0

L’aducanumab, il nuovo farmaco contro l’Alzheimer. Facciamo chiarezza

Non deve creare illusioni e/o false speranze l’approvazione dell’ente governativo statunistense, Fda (Food and Drug Administration)  del farmaco aducanumab, contro il morbo di morbo di Alzheimer. Non cura la malattia, ma ne rallenta il decorso nella fase iniziale. Inoltre sono state richieste ulteriori analisi e qualora dovesse superare tutti i test e ricevere i consensi dell’EMA e dell’AIFA, rimane il problema dei costi

0

Le nuove aree a rischio pandemie. Dove, come è perché

Un’importante studio internazionale al quale hanno partecipato i ricercatori del Politecnico di Milano, ha analizzato un’area totale superiore a 28,5 milioni di km quadrati che si estende dall’Europa occidentale fino all’Asia orientale e i cui risultati potrebbero rivelarsi fondamentali per prevenire nuove pandemie