Categoria: pubblicazioni

0

Xenobot 2.0. Un nuovo modo di vivere

Trascorso appena un anno dalla loro nascita gli Xenobot nuove forme di vita create dall’uomo sono già alla loro evoluzione. Scienziati della della Vermont University presentano una nuova versione di queste macchine biologiche che pur essendo prive di cervello sembrano saper pensare, capaci di muoversi, auto organizzandosi in gruppo

0

Sicurezza alimentare. Un algoritmo per la qualità dei cibi in tavola

I cibi congelati possono essere vettori del virus Sars-Cov-2? Un’ipotesi poco probabile ma plausibile, al vaglio delle indagini della comunità scientifica e che rimarca l’importanza della sicurezza alimentare garantita, secondo uno studio internazionale, dall’impiego della spettroscopia e machine learning

0

Biotecnologia blu. Molecole marine al posto degli oppioidi

L’alternativa agli oppioidi viene dall’Oceano. Una startup portoghese con i suoi scienziati-subacquei ha selezionato dalla fauna marina 2 molecole efficaci nella riduzione del dolore e con un rischio ridotto di sviluppare dipendenza. Finanziata dal programma europeo Orizzonte Europa che scommette nel futuro della biotecnologia blu, nel pieno rispetto dei mari

0

Creata la prima cellula artificiale che si replica come una cellula vivente

Creato un organismo sintetico unicellulare che si divide e si moltiplica come se fosse reale. Si ritiene che lo stesso processo possa generare gruppi di cellule figlie artificiali le quali, funzionando come computer, sarebbero in grado di produrre cibo e carburante; rilevare malattie e consentire di generare farmaci atti alle cure delle cellule umane

0

Grandi eventi. Prove tecniche di normalità

Dopo il fermo di un anno torna un concerto rock, il primo in Europa, durante la pandemia. Si svolgerà a Barcellona (Spagna) il 27 marzo 2021 allo stadio Sant Jordi che accoglierà 5000 mila persone. Stesso giorno e stesso numero di persone per la partita Olanda – Lettonia ad Amsterdam. Prove di convivenza in sicurezza con il coronavirus, pensando alla riapertura al pubblico dei grandi eventi

0

Sensori medici. Stampati sulla pelle e riciclabili

Un occhio alla salute e uno all’ambiente sono stati alla base dello studio che ha permesso di aggirare l’ostacolo della tecnica di sinterizzazione a temperatura insostenibile per la pelle umana. Ora i biosensori, che servono per misurare alcuni dei parametri vitali, sono simili ai tatuaggi temporanei, sicuri e riusabili