Categoria: mondi e orizzonti

0

Da guerrieri ad atleti. Per salvare il re della foresta

In Kimana (Kenya) si è appena conclusa la 4° edizione dei Maasai Olimpics, i Giochi Olimpici dei Masai, introdotti come alternativa al tradizionale rito di passaggio all’età adulta che vorrebbe i giovani diventare coraggiosi guerrieri attraverso la caccia ai leoni, specie a rischio estinzione

0

Concha Zaera, quando l’età è solo un numero

Iniziando a disegnare su Paint, programma informatico basico di disegno, per ammazzare il tempo, aprendo un account social per assecondare i nipoti che volevano condividere le sue composizioni, dopo 14 mesi Concha Zaera, 88 anni, è una star di Instagram e collaboratrice della Disney per il film ‘Il ritorno di Mary Poppins’

0

Erbil, la città dove i rifugiati siriani sono parte attiva della cittadinanza

Erbil, nel Kurdistan iracheno, a differenze di molte comunità di accoglienza del mondo che hanno accolto i profughi siriani ponendo restrizioni, consente loro, se in possesso delle qualifiche necessarie di lavorare liberamente. E i profughi la ripagano con la loro competenza svolto in modo attivo e fruttuoso all’interno della comunità

0

Corridoi universitari: studenti rifugiati dall’Etiopia all’Italia

Corridoi universitari tra l’Etiopia e l’Italia per permettere a studenti rifugiati, costretti a interrompere i loro studi perché perseguitati o in fuga dalla guerra, di proseguire il loro percorso formativo presso l’Alma Mater di Bologna. Con tale finalità è nato il progetto ‘UNI-CO-RE university corridors for refugees (Ethiopia-Unibo 2019-21)’, promosso dall’Università di Bologna e dall’UNHCR Italia

0

India. Il Partito Nazionale delle donne

Nasce in India il partito politico interamente al femminile. Si tratta del National Women Party fondato da Shweta Shetty, paladina dei diritti civili, pronto per partecipare alle prossime Elezioni Generali. Principali obiettivi, essere la voce alle donne più vulnerabili e portare in Parlamento il 50% delle donne

0

Clima. La delusione di COP 24

Dopo la pubblicazione del Rapporto scientifico dell’IPCC, dal vertice sul clima COP 24 appena concluso ci si aspettava un’unità di intenti e azioni a livello globale non pervenuta. Troppi i Paesi dissidenti alla scienza, che conservano lo sfruttamento delle fonti fossili, per dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2030