Categoria: mondi e orizzonti

0

Clima. Durante e dopo COP25

Sydney è avvolta da una nube tossica provocata dagli incendi circostanti. È caldo record in Australia, ma all’ultimo vertice Onu per il clima, appena concluso, si è allineata con i Paesi che non hanno voluto negoziare per la riduzione delle emissioni dei gas serra. Le speranze ora convergono nel Green New Deal dell’Unione Europea e del suo futuro incontro con la Cina (settembre 2020). Nel frattempo i giovani FFF continuano a scioperano ogni venerdì

0

Jewher Tohti. La questione uigura non è politica ma umanitaria

“La questione uigura non è politica, è una questione umanitaria” dice Jewher Tohti a Strasburgo per ritirare dal Parlamento Europeo il premio Premio Sakharov per la libertà di coscienza assegnato al padre Ilham Tohti. “Una delle peggiori persecuzioni dalla seconda guerra mondiale in poi – aggiunge – la storia si ripete, ma deve cambiare

0

Zouzoukwa, gli artistici emoji africani

Dal 1° gennaio 2018 O’Plérou Grebet, ventenne studente ivoriano che vive ad Abidjan, ha iniziato a pubblicare ogni giorno un emoji sul suo account Instagram, fino a creare la nuova applicazione di messaggistica, Zouzoukwa, con gli emoji che rappresentano l’Africa, diffusa in tutto il Continente e che sta per ricevere il bollino blu dall’Unicode Consortiium. Nel 2020 ha disegnato l’emoji simbolo per la Giornata del Rifugiato, attivato da Twitter in 12 lingue

0

Cina. Dal figlio unico alla tratta delle mogli

Che la legge del figlio unico adottata in Cina dal 1979 al 2015 avrebbe provocato un grave sbilanciamento di genere era prevedibile. Meno la soluzione che il grande paese asiatico asseconda per i 30 milioni di uomini che non riescono a trovare una moglie e la prendono, illegalmente con la forza e con l’inganno, dai Paesi vicini

0

Aung San Suu Kyi alla Corte dell’Aja

Aung San Suu Kyi, la leader birmana, il 10 dicembre 2019 sarà interrogata dalla Corte penale internazionale dell’Aja per rispondere di sé e del suo Paese, il Myanmar (ex Birmania) dell’accusa di genocidio perpetrato contro la minoranza musulmana Rohingya

0

L’Afghanistan piange la morte di zio Murad

Così gli afghani chiamavano, affettuosamente, Tetsu Nakamura, il medico giapponese volontario dagli anni Ottanta e che adattando antiche tecniche giapponesi ha realizzato un progetto d’irrigazione, salvando la vita a circa 1 milione di persone, rimasto vittima di un attentato, il secondo ai danni degli operatori umanitari in 2 settimane