Categoria: gusti e cultura

1

Street art. Il mestiere dell’arte

Un’arte che si fa urbana e dialoga con la città ei suoi abitanti. Come nascano da un muro, una parete, una serranda le illustrazioni che colorano le vie? L’ispirazione ha origini diverse, dichiara Valerio. Può prendere forma da un’idea del committente che viene filtrata attraverso la creatività dell’artista, spesso in armonia, con l’ambiente e con gli elementi naturali o artificiali che lo compongono.

0

Kimono Meisen. Narrazione dell’incontro tra Estremo Oriente e Occidente

Vivid Meisen, la sfavillante moda del kimono moderno, è la mostra allestita presso l’Istituto di Cultura Giapponese di Roma, per celebrare il 150° anniversario dell’avvio dei rapporti tra Italia e Giappone. Il kimono Meisen, ovvero il Kimono prêt-à-porter, dalla sue origini ad oggi, ci fa ripercorrere la storia stessa del Giappone, la fase delicata ma entusiasmante del suo passaggio dall’isolazionismo alla sua apertura al mondo

0

Il Trono Gay a “Uomini e donne”

Facendo applaudire popoli, ambizioni, appartenenze e polemiche in egual misura, dando ad ogni pubblico il proprio ludibrio e ad ogni “pancia” la propria pastura. Facendo anche, un po’, sognare “normalità” a chi dovrebbe poterla pretendere in ben altri consessi, ambiti e istituzioni, il trash si prende la briga e di certo il gusto di dare a tutti il sapore giusto

0

Teatro itinerante Ad occhi chiusi

Sorprende l’esperienza teatrale di Ad Occhi Chiusi, spettacolo itinerante e interattivo, senza palcoscenico ma con 14 attori, 12 automobili di scena, 12 ambientazioni reali e con 36 spettatori divisi in 3 gruppi di 12, che scelgono tra 3 storie, 3 protagonisti, 3 punti di vista…

0

Videogiochi senza frontiere

L’universo dei videogiochi è parallelo a quello fisico. Ha le sue regole, le sue eccezioni, i suoi abitanti e la costellazione dei diversi pianeti e sistemi che lo compongono. La pervasività dei videogiochi è cresciuta esponenzialmente con la diffusione di Internet e, in particolare, con la capillare diramazione degli smartphone nella quotidianità il cui uso smodato, rischia di offuscare la nostra capacità di discernimento.