Categoria: gusti e cultura

1

La tattica nucleare di Sanremo, terra promessa

Si è conclusa alle 2,30 la 70esima edizione del Festival di Sanremo. La gara canora nostrana quest’anno è riuscita alla perfezione a volgere lo sguardo alla tradizione pur strizzando l’occhio ai talent e alle loro spettacolari modalità di valutazione. Chissà se invece di cadere in sterili sanremismi, non sarebbe invece auspicabile ricordare che talvolta la leggerezza supporta il pensiero?

0

Dal Mar Adriatico all’Oceano Atlantico. Le capitali della cultura europea 2020

Febbraio e il mese che vede ufficialmente il passaggio del testimone delle capitali della cultura europea. Matera e Plovdiv, protagoniste del 2019 che cedono il passo a Rijeka, in Italia famosissima come Fiume (Croazia) e Galway (Irlanda), per il 2020. I temi centrali di ognuna delle 2 città sui quali si sono sviluppati i tantissimi eventi artistici, culturali e folclorici che si svolgeranno nell’arco dell’intero anno

0

Ganga Ma. Come stai fiume?

La Fondazione Stelline di Milano ospita la mostra itinerante Ganga Ma, monografica del fotografo Giulio Di Sturco che racconta per immagini la storia del fiume Gange, fonte millenaria di sostentamento per l’uomo, oggi gravemente malato. Per il valore emblematico sul rapporto uomo-natura delle immagini, la mostra è accompagnata da un laboratorio per bambini che li porterà a riflettere sull’inquinamento e sui conseguenti cambiamenti climatici

0

Documentare l’amore e la vita tra le lacerazioni della Siria

In Siria la guerra continua, anche se il conflitto scoppiato nel 2011 non occupa più le prime pagine dei giornali. Ma il cinema irrompe nella nostra quotidianità, rimettendo al centro della nostra attenzione le storie che si consumano in quel tragico scenario con 2 titoli presto nelle sale ed entrambi candidati al Premio Oscar 2020, i documentari ‘The Cave’ e ‘Alla mia piccola Sama’

0

Gli scienziati e la bomba atomica

Gli scienziati che parteciparono al Progetto Manhattan, che portò alle bombe atomiche sganciate sulle città giapponesi, misero il loro talento al servizio del male? Molti si sentirono responsabili, anche Albert Einstein e a tal proposito disse:” “Oggi l’uomo di scienza soffre di un tragico destino …”