Autore: Redazione abbanews

0

La “Zona rossa” del Teatro Bellini. Il mondo come deve essere

Zona Rossa è il progetto innovativo del Teatro Bellini di Napoli seguito anche dall’estero: dallo scorso 20 dicembre 6 artisti vivono nel teatro, in lockdown, preparando l’opera che andrà in scena quando un decreto permetterà alle sale di riaprire e soltanto allora torneranno a casa. Si occupano di ogni fase della messa in scena, dalla scrittura all’allestimento. E il loro operato si può seguire in streaming

0

Le tante vite degli pneumatici fuori uso

La gestione e il reimpiego degli pneumatici fuori uso (PFU) costituiscono una parte importante dell’economia circolare. Una ruota è composta da un insieme di polimeri di alta qualità che la rendono, trattata, un’ottima materia prima seconda, molto versatile per il riuso. Ma come avviene il riciclo di prodotto così composito?

0

21 gennaio 1921. Nasce il Partito Comunista d’Italia

Il 21 gennaio 1921 a Livorno nel corso del XVII Congresso del Partito socialista si consumava la scissione e veniva fondato al Teatro San Marco il Partito Comunista Italiano. A capo Antonio Gramsci e Amedeo Bordiga. Nel manifesto di costituzione del nuovo partito si trovano anche le ragioni della scissione

0

Intuarsi. La parola di Dante del 13 gennaio

Intuarsi. La parola di Dante del 13 gennaio. Neologismo dantesco di uso raro ci spiega il dizionario che si può intendere nel “senso analogo di penetrare in te, leggere nei tuoi pensieri”. Esattamente quello di cui avremmo avuto bisogno seguendo gli accadimenti della giornata

0

L’ipotetico vaccino contro la sclerosi multipla

La BioNTech, creatrice insieme alla Pfizer del vaccino RNA messaggero contro il coronavirus, ha pubblicato uno studio che dimostra come la stessa innovativa metodica può alleviare una forma di sclerosi multipla che colpisce i topi, ottenendo l’arresto della progressione della malattia e il ripristino di alcune capacità motorie dei roditori

0

Usa. Eseguita la condanna a morte di Lisa Montgomery

Fino all’ultimo si è sperato che la condanna non venisse eseguita posto che l’accusata soffriva di gravi disturbi mentali. Era dal 1953 che non veniva messa a morte una donna e le speranze dei contrari alla pena capitale erano convogliate nella tradizione statunitense che da 130 vede le esecuzioni federali nel periodo di transizione tra i 2 presidenti