Taggato: soldi

0

7 luglio, l’Africa si unisce sognando l’UE: ne parliamo?

L’Africa ha fatto un passo storico. Lo ha fatto a Niamey, in Niger, e lo ha compiuto il 7 luglio 2019. In quel luogo e in quella data 54 stati su 55 (anche se due ballano ancora) hanno di fatto ratificato e fatto (ri)nascere l’AfCFTA, ovvero l’area di libero scambio che raggrupperà (quasi) tutta l’Africa di fatto abbattendo commercialmente i confini degli Stati. Il motivo? Liberarsi. O almeno provarci

0

Amazon investe sui giovani europei, Italia pioniera!

Per una volta, Italia pioniera. Non in cucina, e nemmeno a rinvangar fasti passati: addirittura nell’accaparrarsi posti e investimenti su giovani menti messi in palio da (nientepopodimeno che) Amazon. Dopo la felice esperienza dell’Amazon Innovation Award con la collaborazione delle università, Roma Tor Vergata, Politecnico di Milano e Politecnico di Torino, Amazon replica l’impresa in ambito europeo lasciando all’Italia il ruolo di “un posto di privilegio”

1

I soldi danno la felicità? La risposta ai bambini

I bambini sanno bene cos’è e cosa rappresenta il denaro e se la maggioranza è consapevole che il denaro “è importante”, solo una minore percentuale pensa che “i soldi danno la felicità”. È quanto emerge dalla ricerca I soldi fanno la felicità? I bambini e gli usi sociali del denaro, condotta da un team interdisciplinare, capofila l’Università di Udine

0

Sanzioni alla Russia, quando la geopolitica ci entra nel portafoglio

Società, economia e politica in conflitto. “La guerra commerciale scatenata dalle sanzioni ha fatto scendere le esportazioni del Made in Italy in Russia al minimo da almeno un decennio con una perdita complessiva stimata ormai in oltre 10 miliardi da quanto il Paese di Putin ha deciso le contromisure a partire dall’embargo totale nei confronti di importanti prodotti agroalimentari”. È quanto ha affermato la Coldiretti nel commentare l’ufficializzazione della proroga per altri sei mesi delle sanzioni contro la Russia da parte dell’Unione Europea stipulata a metà dicembre.

1

Italiani popolo di scrittori che non leggono

Tanti scrittori e pochi lettori. Con indici di lettura di nuovo in pesante calo. E con il digitale che non sfonda. La scrittura è un’attività che agli italiani piace tantissimo, quasi fosse un’ossessione cultural-narcisistica (ossimoro?).Uno sfasamento dunque tra lettura e scrittura.