Taggato: rifugiati

0

Nordest: Accoglienza diffusa. E il “rimandiamoli a casa loro” è minoranza

C’è un Nord Est che non ti aspetti, quello che dice a maggioranza assoluta: “Accoglienza diffusa”, quello nel quale “Rimandiamoli a casa loro” è una ristrettissima minoranza, pari quasi al 10% degli intervistati. Il quadro socio-politico è sempre più articolato di una lettura orizzontale di fenomeni e comportamenti individuali e collettivi.

0

Il condominio mondiale apre ai rifugiati e migranti

Il 19 settembre 2016 si è svolto a New York, alle Nazioni Unite, il Vertice mondiale dedicato al tema dei rifugiati e dei migranti nel mondo. Con tutto lo scetticismo indotto dalla realtà dei fatti, il Vertice è un primo, anzi, un primissimo passo nella direzione giusta che sarebbe saggezza e lungimiranza politica incoraggiare e facilitare.

0

Bambini sradicati. Rapporto Unicef e società occidentali

Rapporto Unicef sui minori migranti e rifugiati: 50 milioni di bambini. In aumento i bambini che migrano da soli. I rischi a cui vanno incontro. Le analisi e le indicazioni per garantire loro una maggior tutela. La situazione europea. La sorprendente coincidenza tra l’Onu e il Fondo Monetario Internazionale sui benefici dell’accoglienza dei migranti per le società occidentali.

0

É bellissimo! Rifugiati alle Olimpiadi, un nuovo stato

Ai prossimi Giochi Olimpici di Rio 2016, ci sarà una squadra formata da 10 atleti rifugiati, sotto l’egida del CIO e dell’Onu. Un segnale di speranza per tutti i rifugiati, un richiamo al mondo sulle loro sofferenze e privazioni, un ulteriore esempio d’integrazione e dei benefici che ne consegue per tutto il consorzio umano

0

Musei del futuro. Migranti e Rifugiati per comunità sostenibili e pacifiche

In tempi di migrazioni continue, i musei e altre istituzioni deputate alla conservazione dei beni culturali diventano posti in cui le diverse comunità si incontrano e lavorano insieme verso una società più forte e un futuro migliore. Di fronte alle questioni sociali i professionisti del patrimonio hanno prima di tutto una responsabilità individuale in quanto esseri umani socialmente consapevoli