Taggato: Miur

0

Alzarsi in piedi per i nostri diritti. Sit in per sostenere l’Istituto Statale per Sordi di Roma

A poco più di un mese del sit in di protesta davanti al Miur, promosso dai lavoratori dell’Istituto Statale per Sordi, la NIdiL CGIL (Nuove Identità di Lavoro) ha organizzato un nuovo presidio dei lavoratori precari. Il patrimonio umano e professionale rappresentato dall’Istituto Statale Sordi di Roma rappresenta le fondamenta di una società civile, ignorarlo significa tra-lasciare la nostra stessa essenza.

0

Non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire

Nella giornata dei lavoratori, manteniamo alta l’attenzione sulla condizione di massima precarietà dell’Istituto Statale per Sordi di Roma. Alla luce della protesta indetta da NIdiL CGIL Nazionale il 27 aprile 2017, in merito alla minaccia di chiusura dell’Istituto Statale per sordi, dovuto ad un’assenza di finanziamenti da parte delle istituzioni, una delegazione sindacale è stata ricevuta dal Miur. La comunità educativa tutta è chiamata a non mollare.

0

Libera la parola

Nasce la prima edizione del concorso giornalistico “Libera la parola”, con la collaborazione di RaiNews24, Corriere della Sera e Radio Popolare. Un’iniziativa rivolta agli studenti della scuola superiore con l’intento di sensibilizzare e attivare il processo di salvaguarda dei diritti umani.

0

Grano, nutrimento mondo. Selezione genetica per le messi del futuro

Il frumento o grano che dir si voglia rappresenta la principale forma di nutrimento del pianeta. Migliorare la qualità e la resa dei questo cereale senza alterazioni ambientali e a basso impatto economico è una sfida mondiale. Il sequenziamento del genoma del frumento duro può costituire un passo importante in questa direzione. Ne abbiamo parlato con il Prof. Luigi Cattivelli, coordinatore del progetto di ricerca a livello internazionale.

0

Magic school. Analogico e Digitale si prendono per mano

La scuola del terzo millennio deve essere digitalizzata, sovvertendo l’ordine naturale della didattica? Soluzioni estreme o percorsi graduali verso una formazione che prepara la società, senza penalizzare la formazione classica dell’individuo? La “buona scuola” comprende la tradizione-innovazione.