Taggato: democrazia

Gli ombrelli di Hong Kong 0

Hong Kong. 20 anni di Cina

Il 1° luglio 2017 Hong Kong ha commemorato 20 anni sotto la sovranità cinese, dopo essere stata colonia inglese per oltre 150 anni. E protesta perché le promesse del 1997 non sono state mantenute

Democratic presidential candidate Hillary Rodham Clinton speaks at an event at Rancho High School Tuesday, May 5, 2015, in Las Vegas. Clinton said that any immigration overhaul must include a path to "full and equal citizenship," drawing a sharp contrast with Republicans who have promoted providing a legal status or blocked efforts in Congress to address the nation's immigration system. (AP Photo/John Locher) 0

Ma che Storia è questa? La Clinton, la democrazia, le elezioni…

Ad ottobre uscirà il suo libro, ma la ex-candidata presidenziale democratica già sta facendo di tutto per farlo diventare una vera e propria bomba editoriale, con conseguenti deflagrazioni politiche e democratiche. Rilasciando dichiarazioni ed interviste che stanno gettando ben più di un’ombra sul nostro mondo, sui suoi equilibri e sui suoi valori

mondo-che-piange 0

Pace!

L’anno che è appena terminato non è un buon anno da ricordare. È stato un anno di guerre. E le guerre non sono mai portatrici di pace, piuttosto precorritrici di ulteriori conflitti. La disumanità e l’irrazionalità aumentano e i mass-media le cavalcano, se ne fanno megafono. Distogliendo la loro l’attenzione e quella dell’opinione pubblica dai segnali di speranza, dalle costruttive iniziative delle persone di buona volontà, che non mancano

icann-3 1

Internet non è più americano. Libertà per tutti o rete oligarchica?

Internet non è più (solo) americano. Non lo è già da qualche settimana, anche se la notizia diventa tale soprattutto in questi giorni post-elezione di Trump (e vedremo perché). Poche ripercussioni pratiche per tutti noi, utenti finali, ma enormi valenze simboliche e geo-politiche.

Bernie Sanders 1

Pirati, elezioni (quasi) normali in Islanda

Pirati all’arrembaggio? Non proprio. Dieci giorni prima rispetto alle elezioni americane, ovvero il 29 d’ottobre scorso, altre elezioni si sono tenute in una landa (quasi) più “estrema”: l’Islanda. Laddove i Pirati sembravano destinati ad una vittoria epocale, divenendo per la prima volta in Europa forza antisistema di governo, la “regola delle regole” delle ultime prove elettorali non ha trovato eccezione: i sondaggi hanno sbagliato.