I centri italiani pronti per la terapia genetica Car-T

Dopo l’autorizzazione dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) dell’agosto scorso per la commercializzazione e il rimborso della terapia immunocellulare  Car-T,  sono 10 i centri italiani pronti ad applicare la stessa terapia.

Decisi, a oggi, da 7 Regioni, i centri sono:  Humanitas, Irccs Istituto Nazionale Tumori e San Raffaele, a Milano; Fondazione Monza e Brianza per il bambino e la sua mamma; Città della salute e della scienza e l’ospedale infantile Regina Margherita a Torino; Sant’Orsola a Bologna; Bambino Gesù, Policlinico Gemelli e Umberto I a Roma.

Per garantire il livello di sicurezza, ogni centrotratterà 1, 2 casi al mese.

La notizia è stata trasmessa dall’azienda farmaceutica  Novartis, produttrice della Kymriah, ossia la cosiddetta prima terapia  a base di cellule Car-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell),  rivolta a pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B e per bambini e giovani adulti (fino ai 25 anni), con leucemia linfoblastica acuta (Lla) a cellule B.

La terapia immunocellulare si applica sempre e solo nei casi che hanno presentato resistenza alle altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa dopo essere stata trattata con procedimenti standard.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.