Flip Flopi boat. La barca di plastica per raccogliere la plastica

Una barca lunga nove metri realizzata con la plastica riciclata, costruita in tre anni secondo il modello e la tecnologia  del  dhow, la tradizionale imbarcazione dell’Africa orientale a vela araba triangolare, ha navigato per 15 giorni  nell’oceano tra il Kenya e Zanzibar,  per sensibilizzare la gente al problema dell’inquinamento della plastica marina.

Si tratta del progetto  FlipFlopi, fondato nell’ambito delle iniziative promosse dalla UNEP Clean Seas,  da un gruppo di volontari ambientalisti del Kenya che per 3 anni hanno raccolto dalle strade di Nairobi, Monbasa e Malindi e dalla spiagge di Lamu  bottigliette di plastica e ciabattine, mettendo insieme 10 tonnellate di rifiuti di plastica con le quali è stata realizzata, nell’isola di Lamu, la copertura  dell’imbarcazione, la cui lavorazione è stata portata a termine grazie ai proventi raccolti con il crowdfunding.

Battezzata Flip Flopi Boat, l’imbarcazione è stata messa in acqua a fine gennaio 2019 per la prima spedizione. Partendo dall’isola di Lamu, ha percorso 500 chilometri e i naviganti, lungo la rotta, oltre a fare delle soste per parlare nelle scuole, con le comunità e con i governati locali sui danni dei rifiuti marini, hanno raccolto oltre 5 tonnellate di plastica.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.