Per Oxford Dictionaries è post-verità il neologismo che definisce i nostri tempi

imaggine-per-post-verita-dichiarata-parole-del-2016-da-oxfordÈ post verità, in inglese post-truth, il neologismo dell’anno 2016 secondo gli esperti di Oxford Dictionaries.

La scelta è quella di un’espressione che secondo un comitato di esperti ha segnato profondamente la scena politica internazionale durante il 2016, con riferimento in particolare alle polemiche legate alla campagna referendaria britannica sfociata a giugno nella vittoria della Brexit (il divorzio dall’Ue) e a quella americana per le presidenziali appena culminata nel trionfo di Donald Trump.

La post – verità indica quel fenomeno tipico del web,  del lancio di  notizie  menzognere ma verosimili e di sicuro impatto e presa sugli utenti, create ad arte dai trolls, spesso stipendiati, che rimbalzano da sito in sito, da profilo social a profilo. Attenzione perché oltre ad essere completamente false, spesso vengono elaborate sulla base di ciò che l’utente pensa e, quindi, ama “sentirsi dire” e leggere.

Come dicevamo, la post verità è stata usata a scopo propagandistico sia durante la campagna del referendum popolare sulla Brexit, sia nel corso delle elezioni presidenziali Usa 2016. Soprattutto nel primo caso sembra aver determinato il risultato pro-Brexit,  a discapito della maggioranza degli elettori britannici, che avrebbero preferito rimanere all’interno dell’ UE. Quindi ne ha alterato vistosamente la volontà e il risultato finale.

L’annuncio del 16 novembre 2016,  viene riportato dalla britannica  Bbc,  la quale c’informa  che “post-truth’ ha prevalso in una short list finale che comprendeva anche termini come ‘Brexiteer’ (sostenitore della Brexit)”.

Per Casper Grathwohl, fra i curatori dei prestigiosi dizionari editi a Oxford, post – verità è una di quelle espressioni “che definiscono il nostro tempo”.

Il significato di post-verità

Come c’informano i tipi dell’Oxford Dictionaries “post verità” esemplifica un’estensione del significato del prefisso post che è diventata sempre più prominente negli ultimi anni”. Vale a dire che in questo contesto “post” perde la sua accezione di “dopo” o “successivo” per assumere quello di “appartenente a un tempo nel quale il concetto specifico è diventato irrilevante o poco importante”.

Nello specifico la locuzione post-verità indica  circostanze nelle quali “la formazione dell’opinione pubblica avviene attraverso il richiamo alle sue emotività e convinzioni personali che prevalgono sull’oggettività dei fatti“.

Sempre dall’Oxford Dicionaries, apprendiamo che il prefisso post usato con questo significato risale a metà del Novecento con l’espressione “post-nazionale” (1945).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *