Torneo di mobilità sostenibilità. Parte la gara fra 16 città del mondo

È partita la gara tra le città europee a chi risparmia più CO2.  Fino all’8 dicembre 2019, gli abitanti delle città del mondo che hanno aderito all’iniziativa Sustainable City Tournament saranno impegnati in questa competizione che si consuma attraverso la mobilità sostenibile.

Mezzi pubblici, bicicletta e l’utilizzo di ogni mezzo di trasporto purché non inquini sono validi per questa gara alla quale ogni cittadino può partecipare iscrivendosi sul sito e dal quale si scarica l’app Muv,  per scegliere la città per cui competere e… via a  a pedalare, camminare, correre o usare mezzi pubblici per trasformarsi  in autentici atleti ambientali con tanto di premio finale, così come riceverà un riconoscimento la città che si è dimostrata più sostenibile.

Quattro le città italiane in gara: Milano, Roma, Palermo e Cagliari. Le altre sono Amsterdam, Barcellona, Helsinki, Monaco di Baviera, Ghent e Oostende  (Belgio), Fundao  (Portogallo), Katowice, Sosnowiec e  Gliwice  (Polonia), Sabac  (Serbia) e la brasiliana Teresina.

Sustainable City Tournament è una competizione promossa dal consorzio Muv – Mobility Urban Values, progetto di ricerca finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020, che punta a migliorare la mobilità urbana e a supportare le amministrazioni locali nello sviluppo di nuove politiche sostenibili.  I dati raccolti attraverso  l’iniziativa dovrebbero consentire agli amministratori  di proporre modelli e servizi di trasporto più efficaci,  adatti alle esigenze degli abitanti ma con minore impatto ambientale.  Per centrare l’obiettivo i comuni italiani che hanno aderito alla rete Muv si avvalgono del contributo delle seguenti università e centri di ricerca: il Politecnico per Milano,  Link Campus University per Roma,  Push per Palermo e il GreenShare per Cagliari.

Giunta alla 2° edizione,  nel 2018 la gara ha visto percorrere in modo sostenibile oltre 30mila chilometri in 7 settimane ottenendo un risparmio di 2 tonnellate di C02.  A Palermo è andata la palma di prima città della rete più sostenibile.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.