Hong Kong. Sequestro record zanne d’elefante, ma le misure per il contrasto sono in atto

Hong Kong sequestro avorioSequestro record d’avorio a Hong Kong: precisamente 7,2 tonnellate di zanne d’elefante per un valore di mercato pari a 8 milioni di euro.  Proveniente dalla Malesia l’avorio era stato camuffato con un’etichetta che lo indicava come pesce surgelato. Il sequestro ha comportato l’arresto di 3 persone impiegate presso una compagnia commerciale di Hong Kong. Ne dà notizia l’agenzia Ansa.
Se la successiva verifica confermerà l’entità della confisca, quest’ultima supererebbe il primato del sequestro risalente al 2002 di 7,128 tonnellate di zanne d’elefante.

L’avorio detto anche l’oro bianco per il suo valore è molto richiesto dalla Cina. Il 70% delle zanne, frutto di bracconaggio – gli elefanti sono una specie protetta a rischio estinzione ed è proibita la commercializzazione dell’avorio dal 1989 – è richiesto dal mercato del grande Paese asiatico, il quale, per tradizione, lo usa in molti campi: dall’arte ai rimedi naturali. Hong Kong è un centro importante di smistamento del mercato nero di fauna, uno status quo che dovrebbe mutare a breve.
Infatti, il Consiglio di Stato cinese, a fine 2016, ha pubblicato una nota con la quale ha annunciato che entro la fine del 2017 introdurrà la legge che prevede il divieto della trasformazione e vendita dell’avorio.
Nel frattempo molte attività inerenti al commercio dell’oro bianco stanno cessando la loro attività; i lavoratori del settore, coadiuvati dal Governo, trovano una nuova occupazione correlata e gli oggetti in avorio potranno essere venduti all’asta dietro approvazione governativa.

Anche Hong Kong nel 2016 ha vietato l’importazione e l’esportazione delle zanne di elefante e dovrebbe metterne al bando la vendita entro il 2021.
Ma nel frattempo, o probabilmente per questo, il mercato illegale non sembra fermarsi e la salvaguardia della sopravvivenza degli elefanti ora è nelle mani delle autorità asiatiche e dalla loro volontà e capacità di fare rispettare le norme.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *