Ti aiuto e mi aiuto

Alexis DeneuxLe nuove iniziative imprenditoriali sono sempre segno di vitalità individuale e collettiva. Un segno di buona salute per l’economia ed incentivo sociale per continuare ad osservare ed interpretare la realtà con coraggio senza rimanere intrappolati nella rete dello scoramento e dell’inattività, frutto di una rinuncia a priori al cambiamento. Per questo motivo, accogliamo sempre con interesse un’idea che si è fatta impresa, come “Ti aiuto” di Alexis Deneux .

Un portale di servizi per supportare l’incontro tra domanda e offerta di servizi che vertono principalmente in questi settori: insegnamento lingue, ripetizioni scolastiche, baby sitter, lavori domestici, assistenza agli anziani, pet-sitting.

Ti aiuto. it è la versione italiana di due portali già attivi in Francia, nati proprio dalle necessità di Alexis e della moglie di conciliare vita e famiglia.

Come è nata l’idea “Ti aiuto”?Avevi già avuto esperienze “social-informatiche”?

Avevamo già una buona conoscenza di questo tipo di servizi con le piattaforme nounou-top.fr e aide-au-top.fr, che sono stati lanciati in Francia da due anni. Creando questi servizi, la mia idea era di aiutare i genitori nella vita di tutti i giorni. Il successo è stato tale in Francia che i siti hanno cominciato naturalmente a “passare i confini” : delle famiglie francesi cercavano tate in Italia per le loro vacanze, delle tate frontaliere cominciavano a proporre i loro servizi in Francia, ecc…Tanto e così bene che abbiamo deciso di lanciare i nostri servizi anche in Italia: ti-aiuto.it e toptata.it sono nati così! Ho creato così la piattaforma, all’inizio lavoravo soltanto la sera, tutti i week-end e durante le mie vacanze. A poco a poco il progetto si è strutturato e oggi siamo una piccola squadra che collabora per gestire l’insieme dei nostri servizi. Mia moglie continua ad aiutarci!

Pensi che il vivere in Francia abbia contribuito alla tua idea lavorativa? Quali differenze riscontri con l’Italia?

Il fatto di abitare in Francia ha effettivamente contribuito al mio progetto, perché ho potuto conoscere e collaborare con degli start-upper come me. In Francia si ricorre molto spesso a internet, anche per dei servizi ai quali non si penserebbe subito… come il baby-sitting, per esempio! Tra le differenze più importanti che noto tra la Francia e l’Italia, c’è probabilmente il fatto che nel vostro paese la tradizione voglia che i servizi siano svolti dai conoscenti e dai famigliari e questo molto più di quanto non accada in Francia. Ho potuto però notare che i trasferimenti hanno obbligato alcune famiglie ad affidarsi ai siti di annunci perché non potevano più contare su delle reti già stabilite. Lavoriamo affinché gli utenti siano seguiti completamente e affinché possano gestire al meglio le loro relazioni lavorative.

Ti-aiutoQuanto pensi sia importante il ruolo dei social  media nella società attuale? Quali sono gli elementi di maggior rilievo?

Il ruolo crescente dei social network nella nostra società, continua a modificare il nostro approccio alla realtà. Basti pensare alle nuove iniziative che propongono di creare un legame diretto tra il cliente e il client customer service delle società attraverso Facebook, per esempio. Sono quindi persuaso che giochino e che potrebbero ulteriormente giocare un ruolo molto importante oggi e domani. La scuola pubblica in Francia si preoccupa di educare gli allievi a un uso pertinente dei mezzi informatici, ma lo scarto tecnologico che esiste tra la mia generazione e quella delle mie bambine mostra bene quanto lavoro resti ancora da fare in questo senso. Altrimenti, saranno i nostri figli a spiegarci come fare! Personalmente sono molto aperto alle proposte degli utenti, il che mi permette di far evolvere il sito verso un prodotto che sappia rispondere alle loro necessità. Chiedo anche regolarmente agli utenti soddisfatti di condividere la loro esperienza positiva con i loro amici e sembra che cominci a funzionare. Oggi e sull’insieme dei paesi in cui esistiamo abbiamo più di un milione di iscritti!

Ti aiuto” ha anche un risvolto economico? Dato che il servizio è gratuito come generi profitti?

Siccome la creazione degli annunci e il contatto sono gratuiti, chiedo agli utenti di contribuire comprando un pass se desiderano trasmettere le loro coordinate dirette (mail o telefono) oppure accedere a quelle degli altri utenti. Abbiamo concepito tre tipi di pass il cui prezzo è relativamente ridotto, ma è pur sempre possibile organizzare un incontro/colloquio senza spendere nulla utilizzando la messaggeria del sito, che resta gratuita. Questo mi permette da poco di coprire le spese di mantenimento del sito italiano.

Che tipologia di famiglie ricorrono al servizio? Come “produttori di servizi”, quali sono i più ricorrenti: insegnati di lingue, baby sitter…

La tipologia delle famiglie varia dal tipo di servizio richiesto, poiché ogni servizio prevede una tariffa diversa. I servizi più richiesti sono le lezioni private e il baby-sitting. Le offerte per le pulizie e il pet-sitting vengono subito sopo (molto stagionali per quest’ultima categoria). Infine, la categoria dell’assistenza agli anziani è l’ultima richiesta.

Prevedi uno sviluppo anche per altri paesi?

Come ti dicevo all’inizio, il sito è nato in Francia. Attualmente, esiste anche in Svizzera, in Belgio, in Quebec, in Italia e in Spagna. Attualmente non sto pensando di svilupparlo in altri paesi perché preferisco concentrarmi sulle migliorie che posso apportare ai siti già esistenti.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Snejana Ninova ha detto:

    Eccelenti!

Rispondi a Snejana Ninova Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *