Ricerca delle magnifiche 4

 

4 ricer 2In Italia e nel mondo la ricerca  oncologica è donna,  italiana e con nessuna minaccia di fughe di cervelli.

Stiamo parlando delle nostre 4 connazionali Carlotta Antoniotti ed Emanuela Palmerini, Marta Schirripa e Caterina Fontanella, che  sono state premiate con il prestigioso Merit Award nel corso del meeting dell’American society of clinical oncology (Asco) di Chicago, dal 3 al 7 giugno 2016.
Il meeting Asco, uno degli appuntamenti annuali più importanti nell’ambito oncologico, finanziato dal Cancer Foundation Conquer, riunisce oltre 30 mila esperti, i pazienti, rappresentanti dei pazienti, rappresentanti dell’industria, da tutti il mondo.
Tema dell’edizione 2016 oltre alla condivisione delle conoscenze, è mettere sempre di più al centro dell’interesse scientifico la persona.

Nel corso del meeting è assegnato l’ambito Merit Award ai giovani ricercatori, che si distinguono per la valenza dei loro studi. Premio di portata mondiale è considerato il trampolino di lancio verso la ricerca internazionale.

Carlotta Antoni ed Emanuela Palmerina non superano i trent’anni di età.

Carlotta Antoniotti è nata a Podenzana (Massa Carrara) 29 anni fa, compie ricerche del tumore del colon-retto e lavora presso l’azienda ospedaliera universitaria di Pisa.

Emanuela Palmerini, 30 anni, di Urbino, è specialista in forme oncologiche dell’apparato locomotore.  Attualmente la Palmerini è la coordinatrice, presso l’Istituto Rizzoli di Bologna, di uno studio sulla sinovite pigmentosa giunto in fase 3 (patologia articolare). Su 51 pazienti, 5 hanno avuto una risposta completa con la scomparsa delle metastasi e una sopravvivenza a un anno superiore all’80%.

Poco più grandi Marta Schirippa e Caterina Fontanella.

Marta Schirippa, nata a Viterbo, di anni ne ha 31. Dopo aver studiato all’University of Southern di California, ha preferito tornare in Italia e, attualmente, si sta specializzando presso l’Università di Pisa.  Ha conquistato il Merit Award grazie alla sua ricerca sul gene Inos, parte del sistema immunitario, che può consentire di prevedere il tumore nel colon.

CaterinaFontanella, 33 anni, è specializzanda in Italia, presso l’Ospedale di Udine. dopo 18 mesi trascorsi al German breast Group di Francoforte, si è distaccata per la ricerca di prognosi sulle recidive del tumore alla mammella.

Attraverso il sito Cancer.net si può seguire il meeting, anche in tempo reale e contiene tutta la documentazione relativa al congresso: video podcas, informazioni sugli studi presentati nel corso dell’evento. Tutto il materiale è in inglese non scientifico.

 

American society of clinical oncology (Asco)

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *