I primi 40 anni della fecondazione assistita

Edwards Louise SteptoeIl primo bambino nato in provetta compirà 40 anni a luglio 2018. Ciò significa che fu esattamente nell’ottobre del 1977 quando si realizzò il primo trattamento di fecondazione artificiale andato a buon fine.

Louise  Joy Brown nata, infatti, il 25 luglio del 1978, alle h. 23.47 nell’ospedale di Oldham (Manchester – Gran Bretagna) e da subito ribattezzata dai giornali la ‘bambina del secolo’, è stato il risultato della ricerca condotta da Robert Edwards e Patrick Steptoe  (rispettivamente nella foto a lato con la nascitura).

Robert Edwards, biologo alla Cambridge University, era specializzato nella manipolazione di embrioni e gameti, Patrick Steptoe, ginecologo, era famoso per aver escogitato e sperimentato con successo una tecnica chirurgica innovativa che rimuove l’occlusione delle tube di Falloppio, causa d’infertilità femminile.

Insieme, presso la Cambridge University, lo scienziato e il ginecologo hanno iniziato la ricerca che porterà alla fecondazione artificiale dell’uomo nel 1968, oggi nota con il termine di fecondazione assistita.

Luoise e Nataline BrownNonostante lo scetticismo generale che circondava i loro sperimenti, dopo 9 anni  di studi, nacque con parto cesareo Louise, seguita dalla sorella Natalie (insieme, oggi, nella foto a lato) ugualmente concepita in vitro e prima madre nata in provetta, a dare alla luce un bimbo. Anche Louise, che nel corso della sua vita non ha mai avuto particolari problemi di salute, ha concepito naturalmente un figlio, nato nel 2003.
Negli anni ’80 del Novecento Robert Edwards e Patrick Steptoe hanno creato la prima struttura medica per la fecondazione assistita.

Patrick Steptoe è deceduto nel 1988. Robert Edwards,  grazie alla sua longevità è riuscito a conquistare il premio Nobel per la medicina nel 2010, all’età di 84 anni – 3 anni prima della sua scomparsa – esattamente per aver sviluppato la FIVET (Fertilizzazione In Vitro con Embryo Trasnfer) la tecnica utilizzata nella fecondazione assistita.

 Secondo le stime della Cambridge University  sono oltre 4 milioni i bambini nati grazie alla tecnica di Edwards e Steptoe, nel corso di questi suoi primi 40 anni.

Foto di copertina: 25 luglio 1978,  by Keystone/Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *