Essenziale per vivere. Anche gli autistici adulti imparano

Essenziale per vivere è il titolo del convegno che si terrà dal 15 al 17 marzo 2018, presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale di Novara.
Tema centrale del congresso “l’autismo adulto”, ossia come creare una vita soddisfacente contrassegnata dalla possibile autodeterminazione e autonomia per tutte le persone con disturbi dello spettro autistico che raggiungono la maggiore età. Gli autistici adulti, spesso sono costretti a protocolli incentrati sul mantenimento delle poche abilità acquisite, supportati dall’assistenza. Mentre si può andare oltre, insegnando loro l’autonomia, il prendersi cura di sé, la maggiore indipendenza possibile, attraverso nuovi percorsi di apprendimento.

Nel corso del convegno, infatti, sarà presentata la versione italiana del sistema di valutazione elaborato dagli specialisti Patrick Mc Greevy e Troy Fry. Essential For Living, com’è stato chiamato il sistema, è un curriculum funzionale estremamente ricco e completo che include protocolli d’insegnamento scientificamente validi, in grado di valutare e monitorare gli esiti del trattamento nell’ambito dell’analisi del comportamento applicata all’autismo.  La versione italiana è frutto della collaborazione tra i 2 luminari statunitensi e dai professionisti dell’Associazione per l’Autismo Enrico Micheli.

Dopo il convegno del primo giorno, il 16 e il 17 marzo saranno dedicati al workshop teorico pratico  tenuto da Patrick McGreevy , (traduzione simultanea in lingua italiana) dal titolo Insegnare le abilità funzionali di vita quotidiana a bambini e adulti usando Essential for Living nel corso del quale verrà illustrato come selezionare e mantenere un sistema di comunicazione alternativo per persone non verbali.

Parteciperanno al Convegno le dottoresse Chiara Pezzana, Cristina Panisi  e Raffaella Faggioli e i dottori Roberto Keller, Giovanni Miselli e Marco Bertelli.

Essenziale per vivere è organizzato da ANGSA Novara Vercelli onlus insieme al Centro per l’Autismo E.Micheli.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *