Alice in città. I giovani protagonisti alla “Festa del cinema” di Roma

È una festa, la Festa del cinema di Roma 2017  che chiude in positivo la sua 12° edizione, mentre vede delinearsi sempre più chiaramente la sua missione, fare una rassegna non solo per, ma, soprattutto, con il pubblico.

tennisti festa del cinema roma 17Pubblico che la premia, come testimoniano i numeri: incremento del 13% degli incassi con 39.243 i biglietti venduti, 50.293 ingressi tra pubblico e accreditati e addirittura il 101% in più di traffico su Twitter.

Borg McEnroe  (nella toto a lato) vince il Premio del Pubblico BNL alla dodicesima edizione della Festa del Cinema.
Diretto dal danese Janus Metz Pedersen, il film racconta della storica rivalità tra Björn Borg (Sverrir Gudnason, nella foto in alto, in una scena del film) e John McEnroe (Shia LaBeouf) – i migliori tennisti del momento –   nel corso dell’estate del 1980, alla vigilia del del Torneo di Wimbledon. Un appassionante biopic che esce nelle sale italiane il 9 novembre 2017

Soddisfa ampiamente l’attendibilità di cui gode la Festa, come dimostra una delle peculiarità che la contraddistinguono: gli Incontri Ravvicinati, nel corso dei quali i grandi nomi del cinema incontrano il pubblico, con il quale dialogando, si raccontano.

ROME, ITALY - OCTOBER 29: Antonio Monda and Jake Gyllenhaal meet the audience during the 12th Rome Film Fest at Auditorium Parco Della Musica on October 29, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Ernesto S. Ruscio/Getty Images) *** Local Caption *** Jake Gyllenhaal;Antonio Monda

Autori e star che accettano di partecipare, sale gremite di pubblico: un risultato che risulterebbe impossibile se non ci fosse fiducia nella kermesse, sia da parte degli addetti ai lavori sia da parte del pubblico. E così in questi giorni a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, si è potuto ascoltare la storia di personaggi del calibro di David Lynch, Nanni Moretti, Jake Gyllenhaal (nella foto in alto), Ian McKellen, Gigi Proietti e Vanessa Redgrave.

Dal 26 ottobre al 6 novembre 2017, con un limitato budget di 3 milioni e 419mila euro, la rassegna è riuscita a proiettare 106 film, dei quali 14 in anteprima mondiale. E a portare avanti, quest’anno con particolare successo, la rassegna parallela “Alice nella città”,  che ha brillato di luce propria al punto da indurre a pensare a una futura separazione di date, tra i 2 festival.

Alice nella città

Alice nella città 17 - plateaAlice nella città, giunta alla sua 15° edizione è la sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema, interamente dedicata agli adolescenti e al loro mondo.  Si tratta di una delle iniziative di CityFest (Fondazione Cinema per Roma) attiva tutto l’anno nell’organizzazione e nella cura di eventi culturali nell’ambito del settore giovani/educational.

Nel corso dell’edizione 2017 Alice nella città ha presentato 11 film in gara nella sezione Concorso Young Adult, 3 film in Fuori Concorso, 3 coproduzioni con la Festa del Cinema, 5 eventi speciali, 3 serie; 2 le masterclass.  Alle sezioni già dette, segue Alice Panorama affiancata da Alice/Kino Panorama Italia, curata in collaborazione con i ragazzi del Kino: nella sezione sono stati presentati 9 lungometraggi e vari cortometraggi di giovani esordienti italiani.

Perché se ne parla

Nel panorama delle interessanti proiezioni dei film in concorso e fuori concorso, 2 proposte hanno suscitato particolare interesse e gettato i fari sulla manifestazione: Beyond The Sun e Please stand by.

Graciela RodriguezBeyond The Sun, scritto e diretto dalla regista uruguaya Graciela Rodriguez ha avuto una collaborazione di eccezione: Papa Francesco autore dell’idea originaria – far comprendere ai bambini il Vangelo – e presente con un cameo nel film. Il lungometraggio, che entrerà nella storia come il primo che vede il Santo Padre in veste d’attore, racconta il viaggio spirituale percorso da 5 bambini, durante un’avventura in montagna.   Una nota particolare merita Graciela Rodríguez (seconda da sinistra con il cast alla Festa), al suo debutto cinematografico. La Rodriguez è una psichiatra che ha lavorato per 38 anni  in 11 Paesi, per portare aiuto alle vittime degli abusi e dei disastri. In Argentina ha collaborato con Papa Francesco, allora Cardinal Bergoglio, per la prevenzione degli abusi sui bambini.

In merito al suo film la regista ci ricorda che il titolo riprende un brano dell’Apocalisse e pone la domanda “che tutti ci poniamo”: cosa c’è oltre il sole? “Dov’è Gesù? Come ci parla?”. E, quindi, rivolto a tutti bambini e adulti ma, soprattutto alle persone “che stanno affrontando senza violenza i conflitti della vita”.  Il film uscirà nelle sale nel dicembre 2017.

Dakota Fanning- Alice città 17Please stand by porta sugli schermi una storia di autismo. L’attrice Dakota Fanning interpreta Wendy, una ragazza autistica che parte da sola per un viaggio on the road: deve consegnare la sceneggiatura che ha scritto su Star Trek al concorso per scrittura organizzato dalla Paramount Pictures. Vincerà il primo premio.  Il viaggio, compiuto in compagnia del suo cagnolino (nella foto a lato), l’unico essere vivente con il quale riesce ad avere un contatto, impone a Wendy di superare le ardue prove alle quali è costretta dall’autismo: il difficile rapporto con i sentimenti e con il contatto fisico; fare a meno della rete di protezione che si è creata attraverso la ripetizione di gesti e abitudini.  Il film diretto da Ben Lewis racconta con semplicità ed equilibrio l’autismo, cercando di sfatare i luoghi comuni e la disinformazione che spesso accompagna il disturbo mentale.

La gestione dei ragazzi

Giuria ragazzi Alice in città 17La giuria di Alice in città è composta da 20 tra ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia (nella foto a lato con l’attore Giorgio Pasotti), che selezionano e premiano i film della sezione Young Adult.  Mentre la giuria del Premio Camera d’Oro Taodue 2017 premia la migliore opera prima o seconda presentate nelle sezioni Concorso e Panorama.

Infine, Il programma 2017 include la rassegna di 12 film selezionati – tra 21 titoli – dagli studenti del Liceo A. Amaldi di Roma: un omaggio al Premio LUX giunto nel 2017 alla sua 10° edizione.

I vincitori di Alice

The best of all Worlds di Adrian GoigingerLa giuria di Alice Young Adult  ha assegnato il Premio per il Miglior film a The best of all Worlds di Adrian Goiginger (frame nella foto accanto).

Premio   sezione Panorama Italia a Metti una notte di Cosimo Messeri.
Film più amato dai ragazzi della scuola Amaldi La mia vita da zucchina di Claude Barras,  vincitore del Premio Lux.

Foto di copertina: Dakota Fanning in Please stand by di  Ben Lewis

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *