Figli di un Dio Minore nei teatri italiani

Ritorna a teatro “Figli di un Dio Minore”. La storia d’amore tra l’insegnante logopedista James Leeds e l’allieva non udente Sara Norman, resa mondialmente famosa dalla versione cinematografica del 1986, nasce in realtà come pièce teatrale, titolo originale “Children of a Lesser God”, scritta da Mark Medoff, vincitrice del Tony Award (premio statunitense per i musical) a fine anni 70.

Ai tempi del film la trama e l’intensa interpretazione degli attori protagonisti, William Hurt nel ruolo di James e l’attrice non udente Marlee Matlin nei panni di Sara, coinvolsero e commossero una vastissima platea internazionale.  La pellicola ricevette un florilegio di premi: Oscar 1987 per entrambi gli attori protagonisti e per la sceneggiatura, Golden Globe, premio Bafta e l’Orso d’argento al Festival di Berlino.

 La trama

teatro - Figli di un dio minore - protagonistiLa storia è straordinaria e tratta temi universali. Rende protagonista una minoranza come quella dei non udenti, fa emergere le difficoltà di comunicazione tra chi può sentire e chi non, affronta la complessità, in qualsiasi rapporto, di essere accettati per ciò che si è.

Una difficoltà comune, a cui non basta un sentimento profondo per superarla ma richiede pazienza e comprensione.

La trama ci regala una lezione di educazione sentimentale di valenza universale.

Il progetto

 “Figli di un Dio Minore” nasce come progetto per giovani interpreti udenti e non, per studiare le potenzialità espressive del doppio binario fra la lingua dei segni e la comunicazione orale, per giungere a un testo efficace sia per gli interpreti normo e diversamente abili sia per il pubblico.  Il personaggio femminile di Sara è vincolato dall’autore a essere interpretato da un’attrice non udente.

In Italia

LocandinaIn Italia la pièce ha debuttato nel 2015. Torna quest’anno in scena, con la regia di Marco Mattolini, prodotto da Artisti Associati e Oti, con la collaborazione dell’Istituto Statale per Sordi di Roma.
L’attore Giorgio Lupano interpreta Jamese Leeds; Sara è Rita Mazza. In scena, inoltre, un cast di attori udenti e non guidato da Giorgio Lupano e Rita Mazza.

Dopo Torino, dal 9 al 19 e dal 24 al 26 febbraio 2017, “Figli di un Dio Minore” è in scena a Roma, rispettivamente al Teatro Greco e al Teatro di Tor Bella Monaca.  La tournée proseguirà a Messina, Prato, Pavia, Padova, Teramo e Napoli.

Un silenzio pieno di suoni.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *