Un cinema senza barriere

Al cinema insieme film per non vedentiUna delle valenze maggiori dello sviluppo della tecnologia è  rendere sempre più accessibile la cultura alle persone con disabilità.

Gli ipovedenti, oggi, hanno vari strumenti per visitare le mostre d’arte e per recarsi al cinema a godersi un buon film, attraverso il sistema dell’audio-descrizione.

App, DVD, ma anche servizi in alcune sale cinematografiche permettono di fruire di film audio descritti.  Ma fino ad ora il lavoro tra l’audio-descrizione e la realizzazione del film corrispondono a fasi separate.  L’audio -descrizione avviene dopo l’uscita del film e, per quanto le app possano essere utilizzate in qualsiasi cinema, anche nelle sale non attrezzate o davanti alla tv, il catalogo dei film dei servizi di audio-descrizioni è limitato.

Per raggiungere la condizione ideale è necessario produrre  film universalmente fruibili.  Che ogni film in uscita, abbia l’audio- descrizione disponibile. Meglio ancora, fare dell’audio-descrizione parte integrante della realizzazione del film.

Film universalmente fruibili

Il crimine non va in pensione - locandinaIl percorso dell’italiana Stemo Production, casa di produzione e distribuzione cinematografica che dal 2006, mira a integrare il percorso tra realizzazione e audio-descrizione. Da quando è stata rilevata da Claudio Bucci, si è imposta una linea editoriale basata principalmente sui temi sociali, sviluppati toccando tutti i generi cinematografici.

Collaborando con l’app moviereading, la Stemo ha reso l’opera di Fabio Fulco “Il crimine non va in pensione” fruibile anche dagli ipovedenti, in tutte le sale cinematografiche.  Basterà munirsi di un tablet, smartphone e cuffiette e scaricare l’app.

Seguirà a settembre 2017 l’uscita del film Stato d’ebbrezza del regista Luca Biglione. Il film sempre corredato dall’auto-descrizione scaricabile, avrà inoltre brevi inserti sonori che descrivono le caratteristiche fisiche e psicologiche dei personaggi della pellicola. Il regista Biglione ha tenuto conto delle esigenze dell’audio- descrizione durante le riprese.

Claudio BucciMa la tappa più interessante del percorso intrapreso della Stemo production è la prossima. Come spiega Claudio Bucci a Cinecittà news, l’obiettivo è “tenere presente l’esigenza del pubblico dei non vedenti, sin dalla fase della scrittura del film”.   Che significa scrivere le sceneggiature in modo che molte scene siano concepite in modo da lasciare spazio alla loro descrizione “alla voce narrante, per assicurare la godibilità del film anche a chi lo deve immaginare, attraverso le parole degli attori”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *