Cannes 17. E l’Italia non è stata a guardare

Cannes 17 Sergio Castellito - FortunataIl 27 maggio 2017 è terminato il Festival di Cannes che ha attribuito la Palma d’oro al film The Square del regista svedese Ruben Östlund. Un premio che sta dividendo la critica.
Decisione unanime invece per il premio della sezione Grand Prix, assegnato alla pellicola 120 battements par minute del francese Robin Campillo.
Sofia Coppola torna negli Usa con il premio come miglior regista per The Beguiled.  Hanno vinto, ex aequo, per la miglior sceneggiatura The killing of a Sacred Deer di Yorgos Lanthimos e You Were Never Really Here”di Lynne Ramsay.

Quest’ultimo film ha visto riconosciuta anche l’interpretazione del personaggio maschile interpretato dall’attore Joaquin Phoenix, mentre per la migliore interpretazione femminile la Palma è stata consegnata a Diane Kruger per il film In the Fade di Fatih Akin.
Infine il premio speciale in commemorazione del 70°anniversario del Festival è andato all’attrice Nicole Kidman, nel cast del già citato The Biguilede di Sofia Coppola.

E l’Italia?  È stata a guardare meno del previsto. Pur non essendo in gara per la Palma, si è distinta nelle categorie collaterali.  L’attrice Jasmine Trinca ha vinto come miglior attrice nella sezione Un Certain Regard, interprete di Fortunata di Sergio Castellito che ha dedicato la menzione speciale del suo film al giocatore di calcio Francesco Totti, alla vigilia del suo ritiro dai campi di calcio. Il film scritto da Margaret Mazzantini, annovera nel cast anche l’attore Stefano Accorsi (a sinistra nella foto in alto, accanto a Jasmine Trinca e Sergio Castellito).
Mentre A Ciambra di Jonas Carpignano è stato premiato con l’Europa Cinemas Label nella sezione Quinzaine des Réalisateurs.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *