Bansky a Roma. Guerra, Capitalismo & Libertà

Si vociferava, poi è arrivato l’annuncio ufficiale: il Museo Fondazione Roma – Palazzo Cipolla, ospiterà dal 24 maggio al 4 settembre 2016, la mostra, “Guerra, Capitalismo & Libertà”, la prima e più  grande esposizione a livello mondiale, del maggiore esponente della Street art, l’ anonimo ma quanto mai celebre artista, Banksy. La mostra comprende 150 opere di collezioni private, nessuna “strappata” dai muri delle città, composta da dipinti, sculture, stencils, 50 copertine di dischi e oggetti rari, molti dei quali mai esposti in precedenza, raccolti dai curatori della mostra Stefano Antonelli, Francesca Mezzano e Acoris Andipa.

BANSKY BAMBINA CUORE

BANSKY E LA CAMERIERA BANSKY LIFE IS BEAUTIFUL

 

 

 

 

 

 

Bansky, nato a Bristol (Regno Unito) negli anni settanta (unica notizia certa della biografia dell’artista)  è “maestro” dello stencil la tecnica alla quale ricorre maggiormente per le sue opere e, da lui,  ripresa dagli artisti della Street art di tutto il mondo.

I suoi stencil sono iniziati ad apparire a Bristol, alla fine degli anni 80 del Novecento,  successivamente a Londra e, a seguire, nelle maggiori capitali europee e nel mondo, non solo sui muri ma nei luoghi più impensati delle città.
Molto ha contribuito alla sua fama la sua adesione e personale interpretazione  alla cosiddetta guerilla art,  corrente della Street Art che prevede l’anonimato dell’autore, che lascia tracce della propria arte senza svelare la sua identità e  che si concentra sui temi sociali, politici, etici e culturali.

Bansky l’ha adottata, con un’idea molto originale: entrava nei musei e vi appendeva i suoi quadri, che erano “reinterpretazioni ” delle tele originali esposte.  Passava del tempo prima che i gestori dei musei se ne accorgessero e, così i quadri di Bansky rimanevano esposti per giorni.  Le sue opere si contraddistinguevano per lo stile settecentesco, con l’introduzione di elementi che riportavano all’attualità come la rappresentazione di nobili dell’epoca con in mano bombolette spray o dame di corte con la maschera antigas.

BANSKY RATBANSKY L'UOMO CHE ASPETTABANSKY PARTICOLARE MAD CON PISTOLA

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra le sue opere più note e significative, ricordiamo la serie di graffiti “ Rats”, i topi, scelti come protagonisti perché pur essendo odiati e combattuti da sempre, resistono e creano serie difficoltà agli uomini; al riguardo lo stesso Bansky ha affermato: “Se sei piccolo, insignificante e poco amato allora i topi sono il modello definitivo da seguire”.
In Italia e, precisamente, a Napoli, Bansky ha realizzato due opere.  La prima “L’Estasi della beata Ludovica Albertoni” del Bernini, riprodotta  con in mano delle patatine e un panino, simboli del consumismo,  è  ormai invisibile perché ricoperta, dal 2010,  dal murale di un writer napoletano.     La seconda “Madonna con la pistola” reinterpretazione di un’opera del barocco romano,  è  protetta da una lastra di vetro.

BANSKY MURO A GAZA MIGLBANSKY MURO POLTRONE

BANSKY MURO A GAZA

 

 

 

 

 

 

Di particolare suggestione, i murales che Bansky ha dipinto in Cisgiordania nel 2005, sul muro che separa i territori israeliani da quelli palestinesi. L’artista inglese, usando principalmente la tecnica del trompe-l’œil, ha disegnato delle rappresentazioni di squarci nel muro che permettono di “vedere” cosa accade oltre il muro stesso.

Alcuni murales sono stati strappati dai muri o spostati, per essere restaurati e conservati e sono quotate centinaia di migliaia di dollari.

La mostra di Roma “Guerra Capitalismo & Libertà”   è stata  ideata e promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, il cui Presidente,  Emmanuele F. M. Emanuele, nel corso delle presentazione, ha affermato: “ La mostra, unica nel suo genere anche per i temi che tratta: guerra, capitalismo e libertà, che sembrano essere le fonti primarie di ispirazione dell’arte di Bansky, è connotata da una forte denuncia sociale e mostra i temi più attuali e urgenti del nostro presente”.

 

 Museo Fondazione Roma Palazzo Cipolla

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.