Risparmio e investimento tra i banchi dell’Istituto Mattei di Ischia

In occasione del Salone del Risparmio che si è tenuto a Milano dall’11 al 13 aprile 2017 vi riproponiamo l’intervista a Luigi Criscuolo sul tema dell’educazione finanziaria, una formazione che dura per tutto l’arco della vita.

Si va in pensione dopo i 70 anni e si può vivere oltre i 100, tutto questo richiede una pianificazione. Recuperare il concetto del tempo, pensando al domani, recuperandolo con il consulente; tirar fuori il presente dall’oggi, analizzandola con un consulente fase per fase della vita: fondi pensioni e altri strumenti di vita. Un popolo, una persona, una famiglia che non ha progetti di vita è fragile. (Sergio Sorgi, Progetica).

luigi-criscuoloVivere l’oggi, con una visione del domani, curando risparmio ed investimenti è la sfida di ogni cittadino che non rincorre il tempo, ma lo gestisce e lo amplia mediante una corretta pianificazione. Ne abbiamo parlato con Luigi Criscuolo, consulente finanziario dal 2001, in veste di docente-facilitatore per il progetto Economic@mente, rivolto agli studenti del terzo, quarto e quinto anno della scuola secondaria di II grado.

Il suo racconto ci permette di addentrarci nella negoziazione, non di titoli a breve o lunga scadenza, ma nella negoziazione che operiamo dentro e fuori di noi, gestendo le risorse in modo lucido e lungimirante.

Economic@mente: educare alla consapevolezza

Il progetto Economic@mente – METTI IN CONTO IL TUO FUTURO nasce dall’ANASF, associazione dei promotori finanziari in collaborazione con la società Progetica in un’ottica di educazione finanziaria rivolta alle giovani generazioni, ed, in particolare, è contestualizzato nelle scuole nell’ambito del programma “Alternanza scuola-lavoro”.

Il corso totalmente gratuito è composto di 4 moduli

  • il ciclo di vita e gli eventi che scandiscono le principali fasi di transizione
  • gli obiettivi di vita. L’investimento e l’indebitamento;
  • la messa in sicurezza: protezione, previdenza;
  • la pianificazione e la necessità di un consulente.

Formazione in aula e online

La completezza della formazione, rispettosa dei tempi di elaborazione delle informazione da parte degli studenti, è data da una struttura formativa “mista”. Oltre alla formazione in aula, i partecipanti hanno a disposizione moduli online, attraverso video, simulazioni e documenti, così che tra una lezione e l’altra, potranno approfondire i temi trattati in aula dal formatore.

Inoltre, possono usufruire di un modulo facoltativo (il quarto) che mira a donare ai ragazzi una visione globale del ciclo di vita di una persona; non una mera concentrazione sull’informazione tout court dei prodotti finanziari.

EconomicamenteNew

Gli studenti con gli attestati del corso insieme al preside Antonio Siciliano e al Dott. Luigi Criscuolo

preside Antonio Siciliano

preside Antonio Siciliano

I formatori ANASF prima di entrare nelle aule, hanno fatto un corso di formazione gestito da PROGETICA con il fine di integrare le loro competenze tecniche con quelle di orientamento e formazione “pura”: un’esperienza entusiasmante e arricchente per chi come Luigi Criscuolo, consulente finanziario, ha passato il corso di formazione e si è sperimentato come docente-facilitatore tra gli studenti e le studentesse del quinto anno dell’Enrico Mattei Casamicciola Terme di Ischia .

Nascita del progetto

L’iniziativa risale al 2009, ed è proseguita negli anni con un interesse esponenziale da parte delle scuole secondarie di II grado. La consapevolezza di elementi quali la demografia (fenomeni pensionistici legati all’età della popolazione), la gestione del proprio tempo, la focalizzazione dei propri obiettivi, im-pongono scelte di investimento ragionate e “sentite” rivolte al proprio progetto di vita.

L’intervento formativo parte dai bisogni (passati, presenti, futuri) degli studenti per poi immergersi nel mondo del risparmio attraverso la conoscenza di risorse (materiali ed immateriali) che si troveranno a gestire nella loro vita.

Una sincera opera di prevenzione e di azione contro lo sviluppo di un risparmiatore adulto in-consapevole di potersi ritrovare vittima di prodotti finanziari acquistati senza un’attiva partecipazione. Il dis-orientamento del risparmiatore attuale deriva non solo dalla situazione economico-finanziaria contingente, ma anche da una debole conoscenza finanziaria.

ValutAzione del ciclo di vita: dalla scuola alla vita adulta

La valutazione delle conseguenze delle proprie scelte è un passo decisivo in ogni azione che compiamo e, in particolare, nella scelta finanziaria. Proprio per questo, il corso non è finalizzato alla mera esposizione dei prodotti finanziari, ma ad un’analisi accurata del ciclo di vita di una persona, degli eventi che determinano le principali fasi di transizione, dalla adolescenza alla vita adulta; dall’ambiente scolastico a quello lavorativo.

Non a caso, tra le domande più frequenti degli studenti, ricorre “Come faccio a risparmiare”? , oppressi, forse, da una visione negativa del futuro, favorita dal mantra mediatico della disoccupazione e della crisi economica.

I giovani si sentono intrappolati in un futuro che sembra negare loro la possibilità di agire, di realizzarsi, ma la realtà è, e può. essere diversa, se si affronta con una conoscenza adeguata, ispirata dai propri sogni che, se ben pianificati, diventano obiettivi concreti e realizzabili.

Tra gli argomenti affrontati da Economic@mente l’analisi storica, di come sia trasformato il mercato economico e finanziario in una visione ottimistica; è vero che molte professioni sono scomparse, ma è anche vero che ne sono nate di nuove che necessitano professionisti competenti e con una propria vision.

Quello che mi ha reso felice e soddisfatto del mio lavoro” ci confida Luigi, è avere innescato in loro un meccanismo di curiosità devastante”. Una devastazione produttiva e generatrice di vita. Ci si conceda l’ossimoro. “Come faccio a…” rappresenta un motore di cilindrata di lusso che innesca una corsa assennata verso la ricerca di informazioni per capire. Si, si può fare, se si è bene in-formati.

Risparmio ed investimenti: questione di visione

Attualmente il concetto di risparmio si è trasformato; prima per un guadagno di 30, si consumava 20 e si risparmiava 10, i rischi di investimento erano notevolmente più bassi. Ora si guadagna 50 e si consuma 51, la s-proporzione è evidente. Ora si risparmia “inversamente” all’acquisto. Prima si risparmiava e poi si pensava all’acquisto, ora è il contrario. È necessario una visione “creditizia” e non “debitoria”.

Quello che si cerca di illustrare e raccontare agli uomini e donne di oggi e, soprattutto di domani, è quanto sia essenziale avere un sogno che diventa obiettivo nel momento in cui l’ho ben in testa e nel cuore. C’è chi per natura, per predisposizione tende ad attivare il concetto di risparmio fin da giovanissimo, così come chi ha un talento musicale, di scrittura, artistico, ma una società si forma sull’educazione e non sul talento innato. Consideriamo inoltre che lo stesso talento se non è coltivato e seguito, può risolversi in una foresta intricata e ostile.

Un’adeguata protezione finanziaria e previdenza ci supporta nel costruire il nostro futuro: come possiamo portare avanti una previdenza privata alla luce di un’Inps “intasata”, che cosa sono i fondi di accumulo; quali gli strumenti per affrontare il cambiamento? Elementi di socio-demografia, di economia, contribuiscono a fornire ai ragazzi e ragazze un approccio “culturalmente” pratico alla propria pianificazione finanziaria.

Curiosità verso il consulente finanziario: una possibilità professionale

L’incontro con un consulente finanziario in veste di docente/tutor incuriosisce alcuni dei giovani verso la professione. Nel passato non si sentiva il bisogno di un consulente finanziario, ora i tempi sono cambiati; istituti come la Consob e Banca Italia esercitano un controllo rigido della professione.

Se ci si affida a banche di investimento i cui strumenti finanziari sono a disposizione del cliente, “tagliati su misura” e non imposti per brand, il consulente diventa una sorta di punto di riferimento per il cliente, che scongiura il rischio del “fai da te”, specialmente in situazioni di scelte dettate più dall’onda emotiva scaturita dalla paura contingente che dalla razionalità di una decisione ponderata.

La relazione con un esperto finanziario, controllato da istituti appositi, basata sulla fiducia e la conoscenza reciproca, assicura e rassicura la gestione dei propri risparmi ed investimenti, dunque contribuisce ad una pianificazione positiva del proprio progetto di vita.

Piccoli risparmiatori ed investitori crescono

Gli studenti di Economic@mente ricevono un questionario dall’inizio e al termine del progetto; con i medesimi quesiti per valutare il processo di apprendimento e di coinvolgimento. L’educAzione ancora una volta mette in atto conoscenza e prevenzione, pilastri incorruttibili ed indistruttibili della formazione di una persona. Piccoli risparmiatori ed investitori crescono per una società sostenibile e protesa verso il futuro. 

Un risparmio non solo simbolico, ma anche fattivo. Iniziare a capire le dinamiche di un’economia domestica, personale, familiare è probabile che permetterà agli studenti di “risparmiare” tempo prezioso nel capire e comprendere come amministrare le proprie risorse in modo efficace e produttivo, non solo in termini economici. Un autentico risparmio-investimento per la persona e per la collettività.

 

Per saperne di più: ANASF

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.